Ex Gkn, i lavoratori lanciano la consultazione popolare. 'Chiederemo al territorio di esprimersi'

Sarà una consultazione autogestita, annunciata durante l'assemblea che si è tenuta allo stabilimento

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 22 novembre 2022 19:30

Una giornata di discussioni e progetti in fabbrica e una consultazione popolare che coinvolgerà il territorio. Sono le prossime tappe della mobilitazione Gkn, annunciate nell'assemblea pubblica convocata allo stabilimento di Campi Bisenzio e che si è svolta nella serata di ieri, 21 novembre. 

 

Un appuntamento in fabbrica che i lavoratori avevano dato al Consiglio comunale di Firenze, riunito ieri in una seduta tematica sulla vertenza Gkn, che però si è svolta a Palazzo Vecchio. Quell'appuntamento è stato girato al territorio: in molti hanno risposto, dando vita ad una partecipata assemblea.

 

"In consiglio comunale si è ripetuto il paradosso che la politica ripete da sedici mesi, a tutti i livelli - ha detto Dario Salvetti, Rsu ex Gkn e Collettivo di fabbrica - Al ministero ti dicono che mancano le leggi, in regione ti dicono che è competenza del governo, e il consiglio comunale ti dice che non contano niente. Parlano, dicono, fanno e disfanno e poi finiscono per accampare competenze che non hanno. Il sindaco ci ha detto che in tre giorni avrebbe trovato l'investitore. Ci sono stati gli attestati di solidarietà e poi ci sono stati anche alcuni consiglieri che hanno detto falsità, provando a farsi pubblicità sulle nostre spalle. Ma la nostra foto in Palazzo Vecchio la vedranno tra settant'anni, di quei due o tre invece non si ricorderà nessuno. Il fatto che il consiglio comunale non si sia svolto qua ci fa un danno. Siamo noi l'unica barricata che impedisce la fine della nostra fabbrica".

 

Domenica 4 dicembre sarà "un'altra giornata campale in fabbrica dove si terranno discussioni, gruppi di lavoro, sulla reindustrializzazione, sui nostri progetti, sulla convergenza", spiega il Collettivo di fabbrica, che annuncia anche un altro appuntamento: dall'1 all'11 dicembre sarà indetta una consultazione popolare autogestita.

 

Una 'chiamata al territorio' che stavolta non sarà per una manifestazione di piazza. "Chiederemo al territorio di esprimersi a difesa di Gkn, a favore della fabbrica pubblica e socialmente integrata con una consultazione popolare autorganizzata. Perchè qua non c'è alternativa tra privato e pubblico. Qua l'unica alternativa è tra il privato che sta ricattando il pubblico per avere soldi a babbo morto e socializzare le perdite e tra una fabbrica con intervento pubblico, pubblica utilità, controllo pubblico e socialmente integrata al servizio del territorio. L'alternativa è tra ciò che è sempre successo in questo paese e tra ciò che ancora non è successo. Tra la cronaca che conoscete e la storia che possiamo scrivere insieme", spiega il Collettivo.

 

"Di questa consultazione popolare, vi chiediamo di essere promotori, scrutatori, di organizzare insieme a noi seggi nel vostro luogo di studio, lavoro, ai mercati, nei circoli Arci, Anpi, nei centri sociali, per le vie, nelle pubbliche assistenze e ovunque vorrete. Stupiamoli. Stupiamoli ancora una volta e mostriamo insieme che noi siamo il nuovo, intelligenza collettiva e solidale. Loro sono il vecchio, raggiro e bugia. Regaliamoci un altro pezzo di storia, rompiamo l'assedio, siamo comunità".


In questa vertenza lunga 16 mesi, i lavoratori ex Gkn, oggi Qf, hanno ora una nuova 'scadenza' davanti. "Il 7 dicembre non riceveremo ancora una volta lo stipendio. Noi chiediamo a tutte le reti creditizie solidali di attivarsi per evitare la seconda finestra mensile senza stipendio. E allo stesso tempo, diciamo: non osate non far partire quei bonifici. Il non pagamento degli stipendi è una forma di licenziamento mascherato. Perchè senza soldi, prima o poi lasci il posto di lavoro. Firenze si è già mobilitata con cortei di migliaia di persone contro i nostri licenziamenti. Ora la forma del licenziamento è più subdola e a Firenze noi chiediamo una forma di mobilitazione più complessa. Bisogna costruire mutualismo, rete sociale, proteggere la mobilitazione, immaginarsi insieme la reindustrializzazione della fabbrica".

 

"La proprietà ha fallito nel presentare qualsiasi seria evidenza di un piano industriale. Per questo l'assemblea permanente e il presidio vanno avanti. Priva di piano industriale, brevetti, accordi commerciali, volumi produttivi, la fabbrica è immobile e brucia liquidità. Non abbiamo quindi più tempo. Quando non si ha nulla in mano se non la bugia, non si può fare altro che ripeterla all'inverosimile. Così si prova a trasformare una mobilitazione sociale, una lotta di popolo, in un qualcosa di bizzarro, strano, incomprensibile. Una fabbrica che da sedici mesi ha le porte aperte a tutte e tutti, la si dichiara inagibile. Un collettivo di fabbrica che ha elaborato piani industriali, dato vita a convergenze, che ha curato e cura la "fabbrica di Firenze", lo si presenta come un manipolo di strani eversivi".


 

Irene Grossi

 

 

LEGGI ANCHE

Ex Gkn, a Palazzo Vecchio il Consiglio comunale dedicato alla vertenza

Ex Gkn, assemblea in fabbrica aperta a tutti nel giorno del Consiglio comunale tematico
Firenze, il Consiglio comunale sulla Gkn non sarà in fabbrica. I lavoratori: 'Ennesimo schiaffo'

Ex Gkn, il Collettivo dopo la protesta a Palazzo Vecchio: 'Dalle istituzioni non basta la solidarietà'

Protesta Gkn, chiusa la seduta del Consiglio comunale. Gli operai lasciano Palazzo Vecchio

Ex Gkn, gli operai hanno passato la notte in Palazzo Vecchio. La protesta va avanti

Ex Gkn, gli operai restano in Palazzo Vecchio: 'Ad oltranza qua'. Sospeso il consiglio comunale
Ex Gkn, non arriva lo stipendio: proteste del Collettivo di fabbrica. La Regione chiama Borgomeo
Ex Gkn, ritardo o mancato pagamento dello stipendio: la Fiom indice uno sciopero

'Giù le mani da Gkn', in centinaia davanti alla fabbrica contro lo sgombero dei materiali
Ex Gkn, l'azienda manda i camion a portare via materiali. I lavoratori: 'L'attacco più duro'
Ex Gkn, tavolo al Mise. Fabiani: 'Situazione preoccupante'

Ex Gkn, la Regione convoca un incontro ma Qf non si presenta

Ex Gkn, arriva la procedura per la cassa integrazione. Fiom protesta: 'Non accettiamo ricatti'

Assemblea lavoratori Qf (ex Gkn): 'Ci dichiariamo fabbrica pubblica'

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.