Vis Art

Ex Gkn, il Collettivo dopo la protesta a Palazzo Vecchio: 'Dalle istituzioni non basta la solidarietà'

'Lunedì è stato indetto un Consiglio Comunale dedicato al tema Gkn. Abbiamo chiesto che tale Consiglio si svolga in fabbrica'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 16 novembre 2022 18:20

"Gli attestati di solidarietà non assolvono le istituzioni di questo paese". E' il Collettivo di fabbrica dei lavoratori (ex) Gkn a parlare, il giorno dopo la protesta che gli operai hanno portato avanti in Palazzo Vecchio, nel cuore delle istituzioni fiorentine.

 

Una protesta avanti più di 24 ore, iniziata con un Consiglio comunale sospeso, lunedì, e continuata con la nottata passata nel Salone dei Duecento, "ad oltranza", per chiedere risposte chiare sul futuro della vertenza, a partire dal pagamento degli stipendi. I lavoratori hanno lasciato Palazzo Vecchio nella serata di ieri, dopo che la seduta del Consiglio è stata chiusa, e con la promessa di un Consiglio comunale dedicato interamente al tema Gkn, che si terrà, forse, direttamente in fabbrica.

 

"L’hanno chiamata “la presa di Palazzo Vecchio”. E’ durata 30 ore. Un altro minuscolo pezzo di storia scritta a favore di chi vorrà raccontarla quando saremo passato. Ma oggi siamo ancora presente che prova testardamente a farsi strada nel futuro. Il tempo in questa vicenda è tutto. Questa è una corsa contro il tempo. Ed è un tempo asimmetrico. Per chi vive del mantenimento dello status quo è sufficiente che il tempo passi e si perda. Per noi, ogni giorno è fatica. Pesa sulle capacità di resistenza, sulle menti e sulle tasche. Ogni giorno senza agire è sprecato perché ogni giorno che passa, la fabbrica è più chiusa. Non è un caso se l’attuale proprietà ci appare innanzitutto come una enorme perdita di tempo. Gli unici due ostacoli tra l’attuale proprietà e lo spreco totale del tempo sono il pagamento dei nostri stipendi e l’assemblea permanente che presidia la fabbrica. Per questo non sa parlare d’altro: sgomberare la fabbrica e scaricare i nostri stipendi sull’Inps attraverso la cassa integrazione. Per ottenere lo sgombero calunnia la funzione sociale dell’assemblea permanente. Per ottenere la cassa integrazione, ci ha di fatto presi in ostaggio e usa il non pagamento degli stipendi come elemento di pressione".

 

"Dopo trenta ore di presidio in Palazzo Vecchio, ci è stato chiesto di fatto “qualche giorno, qualche ora” in più. Siamo stati rimandati ad altri incontri che rimanderanno altri incontri. E’ un giochino che ormai conosciamo: farci fare la parte di quelli che vogliono tutto e subito. Cosa volete che sia qualche ora in più o qualche giorno in più? E’ così che da sedici mesi, le ore si trasformano in giorni, i giorni in mesi e i mesi in anni. Ed è così che abbiamo “lasciato la posizione” in vista della prossima finestra di verifica. Lunedì è stato indetto un Consiglio Comunale dedicato al tema Gkn. Abbiamo chiesto che tale Consiglio si svolga in fabbrica. Perché se noi abbiamo attraversato fisicamente il Comune (“la casa di tutte e tutti”), ora il Consiglio Comunale è chiamato a sancire con la propria presenza fisica che questa è la fabbrica di tutte e tutti. Verso cui devono cessare calunnie e manovre. Quella sarà l’ulteriore verifica. Non abbiamo chiuso “la presa di Palazzo Vecchio” con alcun documento congiunto, perché a questo punto sarà l’intero Consiglio Comunale ad esprimersi".

 

"Ancora una volta, un pezzo delle istituzioni di questo paese è chiamato a rispondere a una domanda semplice: che cosa hanno da portare in questa vicenda se non parole? Come si spiega la contraddizione di singole lavoratrici e lavoratori, studentesse e studenti, cittadine e cittadini, che qua stanno dando tutto a fronte di intere istituzioni che non vanno oltre parole e prese d’atto? Il Sindaco è intervenuto presso la proprietà facendo presente le nostre ragioni. E ha raccolto quello che abbiamo raccolto noi: niente. Se qualcuno aveva dubbi, ora è persino ufficiale: lo schiaffo è all’intero territorio. Che cosa ha intenzione di fare il territorio è una domanda che noi possiamo porre, ma a cui non possiamo rispondere da soli".

 

"Le nostre richieste sono semplici: 1. Mettere in sicurezza le famiglie, senza accettare ricatti all’Inps. Si attivino tutte le reti possibili per fare anticipare gli stipendi dovuti. Intendiamoci, non siamo gli unici a stare male. Sia chiaro: non chiediamo di mettere in sicurezza i nostri stipendi perché siamo più poveri o più belli di altri. Nel caso specifico, si tratta di sventare il non pagamento degli stipendi come strumento per togliere ossigeno a una mobilitazione. Una mobilitazione per di più che prova a creare un precedente a favore di tutte/i. 2. Mettere a disposizione lo stabilimento alle attività di reindustrializzazione, autorecupero, autoproduzione, associativo-territoriali, scouting e progettazione industriale di soggetti pubblici, privati, tra cui anche le forme di associazionismo o cooperativismo produttivo individuate dai lavoratori, che verranno sottoposte al comitato di proposta di verifica. 3. Intervento pubblico, controllo pubblico, finalità pubblica. La fabbrica è pubblica e socialmente integrata. Pubblica perché senza capitale pubblico, Gkn è fallita. Finalità pubbliche perché il lavoro che difendiamo è a disposizione della collettività. Socialmente integrata perché attraverso la Società Operaia di Mutuo Soccorso restituisce al territorio un bene che il territorio ha difeso. L’attuale proprietà deve cessare di fare da tappo al ritorno al lavoro".

 

"Nel frattempo sia chiaro, noi non siamo classe “lagnante”, né “supplicante”. Noi per tornare al lavoro, siamo pronti a essere classe “dirigente”. E per questo ci attrezziamo per fare quello che diciamo. Il nostro gruppo mutualismo è al lavoro, il nostro comitato tecnico scientifico per la reindustrializzazione anche. Abbiamo fondato la Aps Soms Insorgiamo. Qua non c’è spazio per il compitino. Questa non può essere una vertenza normale perché le vertenze come le nostre normalmente perdono. Noi siamo chiamati ad essere eccezionali. Non una eccezione che conferma la regola ma che la riscrive. Come da quel 9 luglio, fuori dalla mobilitazione non c’è salvezza. E fuori dalla nostra progettualità non c’è ripartenza. Ma il tempo è poco e le energie anche. Chiunque pronuncia una sola parola sulla Gkn, è chiamato a dire cosa è disposto a mettere perché le parole si trasformino in fatti. Questo vale per ognuno di noi. Vale doppiamente per le istituzioni. Rompere l'assedio. Per la fabbrica pubblica e socialmente integrata", conclude il Collettivo.

 

 

 

LEGGI ANCHE

Ex Gkn, gli operai hanno passato la notte in Palazzo Vecchio. La protesta va avanti

Ex Gkn, gli operai restano in Palazzo Vecchio: 'Ad oltranza qua'. Sospeso il consiglio comunale
Ex Gkn, non arriva lo stipendio: proteste del Collettivo di fabbrica. La Regione chiama Borgomeo
Ex Gkn, ritardo o mancato pagamento dello stipendio: la Fiom indice uno sciopero

'Giù le mani da Gkn', in centinaia davanti alla fabbrica contro lo sgombero dei materiali
Ex Gkn, l'azienda manda i camion a portare via materiali. I lavoratori: 'L'attacco più duro'
Ex Gkn, tavolo al Mise. Fabiani: 'Situazione preoccupante'

Ex Gkn, la Regione convoca un incontro ma Qf non si presenta

Ex Gkn, arriva la procedura per la cassa integrazione. Fiom protesta: 'Non accettiamo ricatti'

Assemblea lavoratori Qf (ex Gkn): 'Ci dichiariamo fabbrica pubblica'

 

 

Foto dalla pagina Facebook Insorgiamo con i lavoratori GKN

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.