Vis Art

Firenze, la manifestazione antifascista per la scuola. Decine di migliaia in piazza

Anche Elly Schlein e Giuseppe Conte al corteo 'a difesa della scuola e della Costituzione' indetto dai sindacati. Presente la preside Savino

1 Visualizzazioni

sabato 04 marzo 2023 15:00

A Firenze è il giorno del maxi corteo 'a difesa della scuola e della Costituzione'. Una manifestazione antifascista, indetta dai sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola fiorentine e nazionali, che hanno raccolto l'appello delle Rsu delle scuole di Firenze.

 

Piazza Santissima Annunziata, luogo di partenza del corteo, inizia a riempirsi prima delle 14. Migliaia le persone presenti, provenienti da tutta la Toscana e da tutta Italia. Intorno alle 14 i vari spezzoni che popolano ma manifestazione iniziano a disporsi per la partenza verso via della Colonna, dove ha sede il liceo Michelangiolo.

 

E' per quello che è successo lì, davanti al liceo Michelangiolo due settimane fa, che oggi decine di migliaia di persone sono scese in piazza a Firenze. Fatti che avevano portato gli studenti a protestare già pochi giorni dopo, e che non hanno lasciato indifferenti, così come le critiche di Giuseppe Valditara, Ministro dell'Istruzione e del Merito, alla lettera che Annalisa Savino, Dirigente Scolastica del liceo scientifico Leonardo da Vinci, aveva indirizzato ai suoi studenti. Parole, quelle del Ministro, che avevano suscitato molte polemiche, con dure reazioni da più parti.

 

E oggi la preside Savino è presente al corteo fiorentino. Sfilano anche i leader di partito, come Elly Schlein, neo eletta Segretaria del Partito Democratico, Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle, Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana e Angelo Bonelli dei Verdi. In corteo anche il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, il sindaco di Firenze Dario Nardella con gli assessori della Giunta, il presidente della Regione Eugenio Giani, sindaci toscani e altri esponenti della politica locale.

 

In piazza anche l'organizzazione politica Firenze Antifascista, che si è data appuntamento in piazza D'Azeglio con lo spezzone "Antifascismo è Anticapitalismo". Presente anche lo striscione rosso "Insorgiamo" con il collettivo di fabbrica dei lavoratori ex Gkn.

 

In Santissima Annunziata sventolano i simboli dei sindacati, tantissime le bandiere Cgil e Fiom, ma anche Anpi, Arci, bandiere della pace e quella arcobaleno dell'Arcigay. Tante anche le bandiere dei partiti, soprattutto Partito Democratico, ma anche Rifondazione Comunista, Movimento Cinque Stelle, Unione Popolare. 

 

"Per una cultura antifascista" è lo striscione dell'Anpi, "La lotta fa scuola" di Rifondazione Comunista, e quello deli liceo Michelangiolo dice "Michelangiolo Antifascista". Non mancano gli striscioni che invitano alle dimissioni del ministro Valditara. "Valditara e Piantedosi dimissioni subito" recita lo striscione di Firenze Città Aperta, "Valditara Vattene" quello dei Cobas. Il comitato Priorità alla scuola cita Gramsci e sfila dietro allo striscione "Odio gli indifferenti".

 

Il lungo serpentone passa per le strade del centro, passa lungo l'Arno, mentre la testa del corteo è già in Santa Croce, dove verso le 15.30 iniziano gli interventi dal palco. Gli organizzatori parlano di più di quarantamila persone presenti. 

 

Dal palco parla anche una studentessa del liceo Michelangiolo: "Il fascismo è ancora tra noi, lo dimostra l'aggressione avvenuta davanti al liceo. È stata un'aggressione squadrista a tutti gli effetti e siamo consapevoli che l'unica resistenza è l'antifascismo sancito dalla costituzione. È necessario agire insieme per fermarlo. Oggi vogliamo ribadire che non c'è posto per il fascismo nel nostro paese e ad esso va tolto ogni spazio. Le sedi delle organizzazioni neo fasciste vanno chiuse e le organizzazioni che mirano a ricostruire il partito fascista devono essere sciolte".

 

Nel retro del palco di Santa Croce si sono incontrati la segretaria del Pd Elly Schlein e il presidente del M5s Giuseppe Conte, che hanno parlato per alcuni minuti.

 

Le parole di Rossano Rossi, segretario generale di Cgil Toscana (che ha sfilato in corteo accanto a Maurizio Landini): “Oggi una grandissima risposta di partecipazione, ci davano per 50mila ieri ma oggi siamo stati molto di più, oltre le previsioni, oggi è stato mandato un segnale forte sulla difesa di scuola, Costituzione, antifascismo. Firenze e la Toscana sono state oggi al centro della realtà democratica e politica del Paese: l’auspicio è che questa giornata, questo modello di mobilitazione, possano segnare una speranza, e una svolta per difendere con sempre maggior forza i diritti sociali, costituzionali e del lavoro. Se la politica vuole recuperare la fiducia della gente deve ripartire da piazze come quelle di oggi”.

 

 

PERCORSO, TRASPORTI, VIABILITA'

 

Questo il percorso effettuato dal corteo: via della Colonna, piazza D’Azeglio, via Niccolini, via della Mattonaia, piazza Ghiberti, via Santa Verdiana, via dell’Agnolo, via dei Macci, via Ghibellina, via delle Conce, via di San Giuseppe, via delle Casine, lungarno della Zecca Vecchia, piazza dei Cavalleggeri, Corso Tintori, via Magliabechi, concludendosi in Piazza Santa Croce. 

 

Sul fronte viabilità, dalla mattina sono stati disposti divieti di sosta in alcune strade interessate dal corteo, ovvero: via Santa Verdiana (lato numeri civici pari), via dei Macci (da via dell’Agnolo a via Ghibellina), via Ghibellina (da via dei Macci a via delle Conce), via delle Conce (tra via Ghibellina e via di San Giuseppe), via Magliabechi, piazza Santa Croce, largo Bargellini, via Giovanni da Verrazzano (tra piazza Santa Croce e via del Fico). Si aggiungeranno anche divieti di sosta in via Spadolini. E' stato previsto un servizio ad hoc della Polizia Municipale con l’impiego di 14 pattuglie dedicate.

 

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, alcune linee di bus urbane di Autolinee Toscane hanno subito momentanee deviazioni fino alla conclusione della manifestazione, indicativamente nel tardo pomeriggio. Sono sei le linee direttamente interessate: le linee 6, 14, 23, 31, 32, C2-C3. Queste, sulla base del posizionamento del corteo, cambieranno alcuni tratti dell’itinerario solitamente percorso. Ma tutta la rete però potrebbe subire rallentamenti, avverte At.

 

 

 

Irene Grossi

 

 

LEGGI ANCHE:

Aggressione Michelangiolo, Piantedosi difende Valditara: 'Libertà di pensiero. La violenza va oltre i colori politici'

Firenze, flash mob davanti al liceo Da Vinci in solidarietà alla preside Savino
Aggressione Michelangiolo, Mattarella: 'Comportamenti positivi vera diga contro la violenza'

Aggressione Michelangiolo, oltre 15 Sindaci firmano un documento di condanna. Solidarietà alla preside Savino

Nardella risponde a Valditara: 'Parole inaccettabili. Si scusi o si dimetta'. La preside: 'Il messaggio era per gli studenti'

Striscione davanti al Da Vinci: 'Studenti liberi di lottare'. Bruciata la circolare della preside

Il Ministro Valditara contro la lettera della preside fiorentina: 'Impropria e strumentale'

'Firenze è solo antifascista', il corteo degli studenti dopo l'aggressione al Michelangiolo

Aggressione al Michelangiolo, una preside scrive agli studenti: ‘Il fascismo è nato ai bordi di un marciapiede, davanti a indifferenti’

Firenze, studenti aggrediti davanti al liceo Michelangiolo: la polizia identifica sei giovani

 

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.