Vis Art

Alluvione, Giani: 'Al Governo la relazione da 110 milioni di euro per soccorso e somme urgenze'

Ammonta a 1 miliardo e 890 milioni di euro la stima del danno economico potenziale subito da famiglie e imprese calcolato da Irpet

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 08 dicembre 2023 16:56

Sarà inviata lunedì al Governo la relazione con la ricognizione degli interventi di soccorso alla popolazione e le somme urgenze legate all’alluvione che ha colpito le province di Firenze, Livorno, Lucca, Pisa, Pistoia e Prato dal 2 novembre 2023.

 

E' quanto ha affermato oggi il presidente Eugenio Giani nell’ambito di una conferenza stampa insieme al direttore di Irpet, Nicola Sciclone, e da Giovanni Massini, direttore della Protezione Civile e Difesa del suolo della Regione e coordinatore dell’ufficio del commissario per l’emergenza.

 

Ho presentato la relazione che calcola nel complesso 110 milioni di euro di interventi tra quelli di soccorso alla popolazione e le somme urgenze. La relazione deve essere inviata entro trenta giorni dalla publicazione dell’ordinanza che mi nomina commissario per l’emergenza e sarà inviata lunedì - spiega Giani - Allegata a questa, c’è la relazione con la stima dei danni complessivi a privati e attività produttive elaborata da Irpet che calcola i danni in quasi 2 miliardi di euro. Qualcuno ha identificato la relzione come lo strumento e la modalità per ottenere dal Governo i fondi, non è così. Il Governo può dare le risorse in ogni momento, e la relazione è svincolata. Finora sono arrivati 5 milioni e sono stati impiegati nelle somme urgenze. Ma dai contatti che ho quotidianamente con il direttore della Protezione civile nazionale Fabrizio Curcio, avverto la volontà da parte del Governo di arrivare a corrispondere quanto richiesto”.

 

Tre gli atti presentati oggi dal presidente Giani.
 

Il primo, come detto, è la ricognizione che sarà inviata a Roma nella giornata di lunedì, degli interventi cosiddetti A e B ai sensi del Codice di Protezione civile nazionale. Si tratta di interventi di soccorso per la popolazione (A) e interventi prevalentemente di somma urgenza (B) sul patrimonio pubblico, volti entrambi a garantire la sicurezza delle persone e il ritorno alla vita ordinaria. Il piano degli interventi A e B complessivamente ha un valore di 110 milioni di euro, una cifra nella quale confluiscono i primi 5 milioni di euro che ha già stanziato il Governo e su cui il Dipartimento di Protezione civile nazionale ha già espresso parere positivo. Grazie alla ricognizione di questo Piano di interventi il Governo può cercare le risorse mancanti, cioè i 105 milioni. In questa prima ricognizione viene allegata la stima di Irpet per i dani complessivi a privati e attività produttive predisposti sulla base delle aree allagate. Complessivamente la cifra dei danni stimati da Irpet è di quasi 2 miliardi.


Il secondo atto è già disponibile da ieri pomeriggio ed è un’ulteriore piattaforma informativa predisposta in accordo con i Comuni interessati per la ricognizione: contiene le famiglie che hanno diritto al cosiddetto “contributo di autonoma sistemazione” (CAS). Questa ulteriore ricognizione va a individuare le famiglie che, a causa dell’evento del 2 novembre, hanno dovuto abbandonare la propria abitazione. La scadenza per questa ulteriore ricognizione è il 19 gennaio, ma per chi già predispone del formulario, nel mese di dicembre sarà possibile avere la prima quota parte del contributo a partire dal mese di febbraio. Con questa ricognizione si completano tutte quelle di censimento danni a privati e a imprese che deve attivare il Commissario. Per questa misura le risorse sono già disponibili sui primi 5 milioni, già approvati dal Dipartimento di Protezione Civile nazionale.

 

Il terzo atto riuarda l’approvazione con ordinanza (disponibile al link https://www.regione.toscana.it/-/emergenza-alluvione-2023) della mappatura sia delle aree interessate dall’evento del 2 novembre, sia del sottoinsieme delle aree direttamente allegate. Si tratta di un adempimento aggiuntivo deciso dal Commissario per facilitare l’attività di individuazione del perimetro interessato dall’evento. Non è però un atto richiesto né dall’ordinanza 1037 (del 5 novembre 2023 «Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi a partire dal giorno 2 novembre 2023 nel territorio delle Province di Firenze, Livorno, Pisa, Pistoia e Prato) né da altra disposizione normativa. Questo atto permetterà per esempio ai gestori del servizi pubblici locali di applicare la sospensione delle bollette di tutte le utenze come deliberato dall’ARERA, l'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente.

 

La sintesi della relazione Irpet

 

Ammonta a 1 miliardo e 890 milioni di euro la stima del danno economico potenziale subito da famiglie e imprese per gli allagamenti che hanno colpito le province di Firenze, Livorno, Lucca, Pisa, Pistoia e Prato a partire dal 2 novembre 2023. Sono i risultati dello studio realizzato da Irpet e presentato queta mattina dal presidente Eugenio Giani. Le stime prodotte da Irpet, che non ricomprendono le spese eventualmente sostenute per il ripristino delle infrastrutture (strade, ponti, argini dei fiumi…) del territorio, sono state ricavate da fonti statistiche, di varia natura, i cui valori sono stati riproporzionati sulla scala territoriale interessata dall’evento meteorologico.

 

L’alluvione ha interessato 18.723 ettari di cui, l’area più ampia nella provincia di Pistoia (6805 ettari), seguita da Pisa (3490 ettari), Prato (3484 ettari), Firenze (3378 ettari), Livorno (1299 ettari), Lucca (229 ettari), Massa (27 ettari), Arezzo (6 ettari) e Grosseto (5 ettari).

 

In base a una georeferenziazione puntuale, si è ricavato che 10.382 sono state le imprese coinvolte dall’alluvione, di cui: 4390 a Pistoia, 3725 a Prato, 2016 a Firenze, 173 a Pisa, 33 a Livorno, 26 a Arezzo, 10 a Lucca, 5 a Grosseto e 4 a Massa.

 

Per calcolare il numero di abitazioni ad uso residenziale alluvionate (sono state prese in esame quelle ai piani terra e/o nei seminterrati) si sono incrociati la carta tecnica regionale (CTR) con i dati del Censimento della Popolazione e delle Abitazioni più recente di cui si dispongono i micro dati (2011). Ne è risultato che la superficie residenziale coinvolta è di 2.832.930 metri quadri, 1.063.199 metri quadri è la superficie di cantine e garage, per un totale di 29.140 alloggi. Di questi, 13.477 a Pistoia, 10.145 a Prato e 4.467 a Firenze. Seguono i 635 di Pisa, i 130 di Livorno, i 111 di Lucca, i 107 di Massa, i 39 di Grosseto, e i 29 di Arezzo.

 

Infine, per gli edifici pubblici (per i quali non erano disponibili informazioni sulle superfici né da censimento né da CTR), si è utilizzata come fonte informativa la base dati openstreetmap e ne è risultato che in Toscana sono 106 quelli sono rimasti coinvolti dall’alluvione (39 a Pistoia, 30 a Prato, 18 a Pisa, 8 a Massa Carrara, 4 a Lucca, 3 a Livorno, 3 a Arezzo, 1 a Grosseto)

 

Per la quantificazione del danno sulle abitazioni e sui beni durevoli delle famiglie, il danno complessivo subito è quantificabile in 588 milioni di euro. La stima è stata calcolata in base a tre tipi di costo: il primo si richiama ad un concetto di fitto figurativo, cioè il valore del mancato consumo per un mese degli spazi residenziali stimato dal canone mensile al metro quadro degli affitti. Il secondo, misura le spese che dovranno essere sostenute per le opere di ripristino dell’immobile. Nelle aree più gravi sono state conteggiate, fra le spese, la tinteggiatura e il ripristino dell’impianto elettrico, mentre per le abitazioni ubicate nelle aree meno gravemente colpite, la tinteggiatura ed un ripristino meno importante dell’impianto elettrico. La terza fattispecie di costo è rappresentata dai danni riportati a quanto contenuto all’interno dell’abitazione (mobilio, elettrodomestici, etc) e all’esterno di essa (macchine e motorini). I beni posizionati dentro l’abitazione sono considerati solo per le famiglie dei piani terra 6 o seminterrati. I veicoli, auto e motorini, invece per tutte le famiglie residenti nelle zone allagate.

 

Per quanto riguarda gli edifici pubblici, il danno complessivo subito è pari a 70 milioni di euro calcolando gli interventi necessari al rifacimento degli edifici pubblici, diversificando i costi di ripristino fra le aree potenzialmente più danneggiate e quelle potenzialmente danneggiate in modo meno grave.

 

Per quanto riguarda le imprese la stima operata è relativa ai danni diretti, indiretti ed indotti prodotti dall’alluvione e il totale è di 1,2 miliardi di euro. I danni diretti sono quelli relativi a tre aspetti: a) le perdite di magazzino (materie prime semilavorati e merci finite), cioè le scorte; b) le perdite associate agli impianti (fabbricati, macchinari); c) le perdite di valore aggiunto dovute al blocco produttivo. A tali danni diretti possono essere aggiunti i danni indiretti dovuti alla interruzione delle relazioni di scambio fra le imprese danneggiate dagli allagamenti e le imprese che ad esse vendono altri beni e servizi in una relazione di filiera.

 

Infine, potrebbe essere aggiunto il danno indotto dovuto alla contrazione dei consumi che conseguirebbe da una riduzione dei redditi. È il caso, ad esempio, che si configurerebbe qualora si verificasse una sospensione del pagamento degli stipendi dei lavoratori e l’avvio di una procedura per la richiesta della cassa integrazione.

 

Mettendo insieme il danno calcolato sulle scorte (109,2 milioni di euro), quello relativo ai fabbricati e macchinari (833,7 milioni di euro), quello relativo al blocco produttivo (107,3 milioni di euro) e l’effetto diretto, quello indiretto e quello indotto (150 milioni di euro) si arriva ad una stima complessiva di circa 1,2 miliardi di euro.

 

Di questo danno totale sulle imprese, è da tenere in considerazione che esiste un diverso livello di gradazione di gravità della situazione. E’ stato possibile infatti individuare alcune aree particolarmente colpite e rispetto alle quali il fattore tempo assume una rilevanza cruciale per la sopravvivenza delle imprese stesse. Isolando le imprese che appartengono a queste aree critiche, possiamo stimare che il danno relativo a tali situazioni ammonta ad una cifra che stimata in circa 240 milioni di euro, una cifra che può essere indicata come altamente urgente.

 

Per il settore agricolo, la quantificazione del danno è di circa 39 milioni di euro. Per stimare i danni nel settore agricoltura, è stata utilizzata la stessa zonizzazione impiegata per la stima dei danni alle abitazioni (zona gravemente alluvionata e zona moderatamente alluvionata), applicata alla più recente mappatura regionale dei piani colturali. Per ciascun comune è stata ricavata la quota di superficie coltivata alluvionata e da qui una stima dell’impatto in termini di valore aggiunto del settore agricoltura (ipotizzando che il costo per le aree colpite sia pari a 2 mesi di resa produttiva.

 

 

 

Notizie più lette

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.