Unicoop Firenze apre un punto vendita 'autism friendly'

Il negozio di prossima apertura di via Caracciolo a Firenze, progettato per l'inclusione delle persone con sindrome dello spettro autistico

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 01 aprile 2022 20:01

Un nuovo punto vendita progettato per l'inclusione delle persone con sindrome dello spettro autistico. Lo annuncia Unicoop Firenze in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, che ricorre il 2 aprile, istituita nel 2007 dall’Assemblea Generale dell’Onu per richiamare l’attenzione sui diritti delle persone con disturbi dello spettro autistico.

 

Si tratta del negozio di prossima apertura di via Caracciolo a Firenze, nel quartiere delle Cure, in cui si realizzano interventi ad hoc per valorizzare l’autonomia delle persone affette da autismo.

 

Obiettivo di Unicoop Firenze è mettere più attenzione al “profilo sensoriale”, lavorando sulla riduzione dei rumori e del volume della radio all’interno del punto vendita, abbassando le luci, lavorando sull’indicazione visiva dei contenuti nella segnaletica delle corsie del supermercato e sull’elaborazione di una “mappa”, individuando alcune casse prioritarie.

 

Inoltre, proprio in questi giorni viene ultimato e diffuso ai dipendenti della Cooperativa un vademecum su come riconoscere le persone con autismo, come facilitare per loro il momento della spesa e cosa può creare disturbo in un punto vendita. Sul primo punto, spiega Unicoop, si mettono in luce alcuni atteggiamenti che ci fanno ipotizzare di essere di fronte ad una persona con autismo. Ad esempio: andatura anomala o stereotipie motorie, evitamento dello sguardo o carenza di gesti comunicativi.

 

Usare un linguaggio semplice e concreto, evitare domande aperte, usare un tono della voce basso e calmo e rispettare l’eventuale bisogno di mantenere la distanza, sono tutti elementi di facilitazione della relazione nel momento della spesa. Al contrario, un linguaggio con frasi lunghe, con modi di dire, umoristico, non accompagnato da gesti chiari, può non essere compreso e, insieme ad imprevisti di vario genere, può turbare la persona con autismo.

 

Infine, altri elementi di disturbo, di natura più strutturale, legati ad ambienti troppo rumorosi e caotici, verranno attenuati in fase di progettazione del punto vendita. Il vademecum è stato redatto dall’ufficio comunicazione interna di Unicoop Firenze in collaborazione con ASA Associazione Sindromi Autistiche di Sesto Fiorentino. Sulla coprogettazione del punto vendita di via Caracciolo, Unicoop Firenze ha lavorato con Autismo Firenze.

 

“Siamo convinti che il supermercato sia un luogo chiave della quotidianità. Dove fare la spesa, dove incontrarsi e dove tutti possano essere inclusi. Per questo abbiamo lavorato negli scorsi mesi e continueremo a farlo nei prossimi su una idea di supermercato accessibile anche a persone con disabilità, fra cui quelle con disturbi dello spettro autistico – fanno sapere da Unicoop Firenze – il nostro impegno comprende due azioni fondamentali: da una parte la formazione dei dipendenti, per dare loro strumenti per accogliere e gestire soci e clienti con autismo, dall’altra sui punti vendita, perché già nella fase della progettazione possano essere valutate ed implementate quelle piccole attenzioni che fanno la differenza fra un negozio autism friendly e uno che non lo è. Questo perché come cooperativa il nostro compito è proprio quello di non lasciare nessuno indietro”.

 

Immagine di repertorio

 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.