Scandicci, taglio della 1° rata Tari dal 40% al 15%: 'Ditte non pagheranno per il periodo di chiusura'

L'ok dal Consiglio Comunale

Galleria immagini

782 Visualizzazioni

giovedì 16 luglio 2020 19:19

Il Consiglio Comunale di Scandicci ha approvato la riduzione dal 40 al 15% (rispetto all’importo 2019) della prima rata della Tassa sui rifiuti Tari per il 2020, la cui scadenza è fissata al prossimo 16 settembre; la riduzione riguarda sia le utenze non domestiche che quelle domestiche. La delibera è stata approvata nella seduta di giovedì 16 luglio 2020 con i voti favorevoli di Pd, Sandro Fallani Sindaco, Scandicci a Sinistra e misto (Italia Viva), e l'astensione di Lega Salvini premier, Centro destra per Scandicci Forza Italia-Udc, Movimento 5 stelle.
 

“L’emergenza Covid necessita di risposte straordinarie e concrete, il Comune di Scandicci sta lavorando per azzerare la Tassa sui rifiuti relativa al periodo di lockdown per le imprese costrette alla chiusura o che hanno subito gravi danni, grazie a 800 mila euro che stanzieremo a fine mese – dice il Vicesindaco e assessore al Bilancio Andrea Giorgi – al tempo stesso dilazioniamo il più possibile a tutti, famiglie e aziende, le scadenze e gli importi della Tari, così come avviene con questa delibera del Consiglio che abbatte di 25 punti percentuali l’ammontare della prima rata: il 25% corrisponde in media proprio all’importo relativo ai tre mesi di chiusura, l’obiettivo del Comune condiviso anche dai sindacati e dalle associazioni di categoria è quello di individuare in automatico tramite i codici Ateco le ditte che non dovranno pagare la Tari per quel periodo, non chiedendo loro in pratica di compensare nei prossimi mesi la riduzione che applichiamo fin da subito. Le famiglie e le altre imprese beneficiano in ogni caso di un importante primo taglio dell’importo sulla rata iniziale, prezioso in un periodo particolare come questo in cui disporre di liquidità nell’immediato può rappresentare un aiuto economico importante”.

 

La definizione finale delle riduzioni sugli importi 2020 della Tassa sui rifiuti si avrà poi entro il prossimo 30 settembre, quando il Consiglio approverà il Piano economico finanziario delle tariffe Tari a seguito delle indicazioni dell’Ato sui Rifiuti.

Il voto del Consiglio Comunale del 16 luglio sulla riduzione al 15% dell’importo della prima rata della Tassa sui rifiuti segue altre decisioni del Consiglio su rinvii dei pagamenti per le imposte della fiscalità locali, a favore di imprese e cittadini, per far fronte all’emergenza Covid; la stessa scadenza del 16 settembre per la Tari e la Cosap è stata votata come rinvio lo scorso 11 giugno dal Consiglio, dopo la deliberazione di una prima proroga già il 23 aprile.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.