Alluvione di Firenze, il ricordo delle vittime e le cerimonie per l'anniversario

Cronaca
04/11/2019

Nardella: 'Firenze pronta a candidarsi ad ospitare il Forum mondiale dell’acqua'

Ricorre oggi, lunedì 4 novembre 2019, il 53esimo anniversario dell'alluvione di Firenze, che in quel 4 novembre del 1966, sconvolse le vite di molti fiorentini (e non solo).

 

Durante la giornata si sono tenuti alcuni momenti di ricordo, a cominciare da questa mattina, con la cerimonia di lancio in Arno della corona d’alloro del Comune in ricordo delle vittime dell’alluvione, che si è tenuta nel centro del Ponte alle Grazie. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Firenze Nardella e il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani.

 

Il museo Novecento ha aperto gratuitamente le sue porte ai fiorentini per tutta la giornata, fino alle 22. Nel corso della giornata c’è stata la visita speciale al museo del Presidente del Consiglio Comunale Luca Milani, dell’assessore alla cultura Tommaso Sacchi, del Presidente di Firenze Promuove Giornalista Franco Mariani, con invitato speciale il Provveditore della Misericordia di Firenze Giovangualberto Basetti Sani.

 

“La triste vicenda dell'alluvione ha dimostrato – ha sottolineato il presidente del Consiglio comunale Luca Milani – una eccezionale capacità di resilienza da parte dei cittadini di Firenze. Le acque del fiume Arno il 4 novembre invasero la città e dopo due giorni, quando finalmente le acque si ritirarono lasciarono oltre ad una ampia coltre di fango, 13.943 famiglie disastrate, 19.121 imprese alluvionate, 46.000 persone sfollate, 1.300.000 libri danneggiati, 1.500 opere d'arte danneggiate e 35 morti accertati, di cui 17 in città”.

 

Per ricordare la prima vittima si è svolto, presso il Cimitero di San Felice a Ema, l'omaggio floreale da parte dell'assessore al personale Alessandro Martini e della presidente del quartiere 3 Serena Perini alla tomba di Carlo Maggiorelli, l’operaio dell’acquedotto comunale che la mattina del 4 novembre 1966 morì per non aver lasciato il suo posto di lavoro mentre l’acqua saliva.

 

Il Consiglio Comunale ha effettuato un minuto di silenzio per le vittime dell’alluvione.

 

“Le città, quando vengono colpite e ferite, si trovano sempre di fronte alla sfida della ricostruzione e mai come in questi anni quella del cambiamento climatico è la vera grande sfida che ci troviamo ad affrontare. Una sfida che accomuna tutte le città e che se da un lato ci preoccupa, dall’altro ci stimola ad affrontare questo mondo che sta cambiando velocemente”. Lo ha detto il sindaco Dario Nardella nel corso del suo intervento in Consiglio comunale.

 

“L’alluvione di Firenze è stata il primo vero fenomeno globale - ha proseguito Nardella - al quale hanno assistito, grazie anche alla televisione, le popolazioni di tutto il mondo e forse anche per questo arrivarono in città da ogni parte del mondo persone di diversa provenienza sociale e culturale per aiutare quella che è considerata tuttora un simbolo universale, una città del mondo”.

 

Nel corso del suo intervento il sindaco Dario Nardella ha comunicato che la città di Firenze intende proporre la propria disponibilità ad ospitare la decima edizione del World Water Forum nel marzo 2024, il più grande evento internazionale sul tema dell’acqua: una piattaforma unica di eventi e di dibattiti con i principali stakeholder mondiali.

 

“L’impegno dell’amministrazione comunale nel perseguire politiche di sviluppo sostenibile si concretizza con la proposta di candidare Firenze quale città ospitante - ha spiegato il sindaco - affinché possa rivestire un  ruolo da protagonista nel dibattito relativo alle nuove sfide globali per la tutela e la salvaguardia delle risorse idriche. Il Forum è un’occasione di riflessione ma anche di scambio di pratiche e di azioni. Noi pensiamo di avere le capacità organizzative e anche la cultura per ospitare con un ruolo attivo un appuntamento di questo livello. Siamo in dirittura d’arrivo per ufficializzare la candidatura di Firenze al Forum mondiale dell’acqua. È una sfida difficile che ci impegneremo a portare fino in fondo. Ci sono altre città importanti candidate, ma abbiamo ottime carte, ci alleeremo anche con altre città italiane del centro Italia. Gli investimenti che abbiamo fatto sull’acqua sono importanti: l’Arno oggi è molto più pulito di 10 anni fa grazie anche a tutto il sistema di confluenza delle acque sporche della riva sinistra e abbiamo realizzato il Parco del Mensola, che è una delle più grandi casse di espansione in Toscana, e anche molti altri interventi che riguardano in generale l’uso della risorsa acqua nel nostro territorio. Lavoriamo a 360 gradi e quindi possiamo farci forti di questa esperienza per candidare Firenze a questo forum”.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.