Vis Art

Firenze, avrebbe aggredito e rapinato il priore di Santo Spirito: arrestato 26enne

L'uomo si trovava già in carcere per un'altra rapina

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 28 novembre 2023 17:57

I Carabinieri della Stazione di Palazzo Pitti hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di un ragazzo somalo, classe ‘97, ritenuto responsabile di una tentata rapina aggravata avvenuta in via della Spada lo scorso 7 ottobre ai danni del Priore della Basilica di Santo Spirito.

 

Le indagini, sviluppate mediante l’acquisizione delle immagini di impianti di video sorveglianza presenti nell’area dove si è consumato il reato, hanno consentito di identificare l’odierno indagato che, avvicinata la vittima mentre percorreva via della Spada alle 5.35 del mattino, l’avrebbe aggredita con pugni al volto per farsi consegnare la somma di venti euro.


Un'azione terminata solo grazie all’intervento di un residente che, sentite le grida di aiuto, si è affacciato alla finestra riuscendo a metterlo in fuga.


Sulla base delle risultanze investigative acquisite dai Carabinieri, l’Ufficio GIP del Tribunale di Firenze, su richiesta della Procura della Repubblica, ha emesso dunque un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, dove l’indagato già si trovava dopo essere stato tratto in arresto a seguito di una ulteriore rapina perpetrata in via degli Orti Oricellari il 12 ottobre scorso. I militari della Stazione di Firenze Palazzo Pitti hanno quindi notificato l’ordinanza presso il Carcere di Firenze Sollicciano.


Il procedimento è attualmente pendente in fase di indagini e l'effettiva responsabilità delle persone destinatarie della misura cautelare, in uno con la fondatezza delle ipotesi d'accusa mosse a loro carico, saranno vagliate nel corso del successivo processo.

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.