Ort, per il finale di stagione brillano gli ospiti: la bacchetta Erina Yashima e il violinista Stefan Milenkovich

In programma il Concerto per violino op.26 di Max Bruch e la Sinfonia Eroica, opera monumento di Beethoven

Galleria immagini

11672 Visualizzazioni

sabato 07 maggio 2022 09:22

Un finale di stagione sorprendente per l'Orchestra della Toscana, con protagonisti due artisti tra i più talentuosi del momento a livello internazionale. Lei è Erina Yashima, 36 anni, bacchetta tedesca di origini giapponesi, allieva di Riccardo Muti, con una carriera in ascesa. Di lei sentiremo molto parlare. Lui è Stefan Milenkovich nato a Belgrado (ma di origini italiane dal lato materno) 45 anni fa: un vero enfant prodige del violino, invitato a suonare davanti ai grandi della Terra e nominato artista serbo del secolo.

 

Erina Yashima è una direttrice dal talento raro che Riccardo Muti ha riconosciuto in lei aprendole le porte degli Stati Uniti. Qui ha lavorato con l'eccellenza, in tre stagioni come bacchetta assistente del Maestro alla Chicago Symphony Orchestra, e poi braccio destro di Esa-Pekka Salonen e Christoph Eschenbach, ha collaborato con il violoncellista Yo-Yo Ma, mentre in Europa ha debuttato al festival di Salisburgo. Oggi è assistente di Yannick Nézet-Séguin alla Philadelphia Orchestra e da poco nominata primo Kapellmeister della Komische Oper Berlin a partire dalla stagione 2022/23.

 

Per la sua prima volta con l’Orchestra della Toscana sfida uno dei capisaldi del repertorio sinfonico, la Sinfonia n.3 Eroica di Beethoven, compositore che Erina conosce bene (ha debuttato con la Nona all'Arena di Verona la scorsa estate), e, come lei stessa ha detto: “essendo cresciuta fra le note e avendo sempre suonato (sono diplomata in pianoforte), è difficile per me scegliere un singolo compositore, ma forse direi proprio Beethoven. La prima volta che ho sentito la Quinta e la Nona sono rimasta profondamente colpita ... ma la vera sfida oggi nell'affrontare pagine così famose, è confrontarsi con una tradizione tanto ampia quanto illustre. Ognuno ha il proprio gusto e un diverso modo di approcciarsi, il che aumenta la responsabilità di chi la esegue”.

 

In apertura Yashima dirige l’unico lavoro di Max Bruch che ancora si continua a programmare: il Concerto per violino e orchestra op.26 del 1868. Ne è solista Stefan Milenkovich, acclamatissimo dal pubblico internazionale, personalità dell’anno. Inizia a studiare alla tenera età di 3 anni con il padre, rimasto suo insegnante fino ai diciassette; il suo talento lo porta, a soli 6 anni, a fare la sua prima apparizione da solista in un’orchestra. A 8 il suo primo concerto nella città natale di Belgrado, il primo di una lunga serie in tutto il mondo. A 10 anni, suona per il presidente Ronald Reagan in un concerto natalizio a Washington, a 11 anni per il presidente Michail Gorbačëv e l’anno seguente per Papa Giovanni Paolo II. A soli 16 anni festeggia il suo millesimo concerto. Si è esibito con la band rock Gorillaz, in uno dei luoghi più famosi del mondo, l'Apollo Theatre ad Harlem, New York: una performance acclamata dalla critica e presentata in diretta su MTV. È ospite frequente di trasmissioni tv e radio, profondamente impegnato in cause umanitarie. Anche lui è alla sua prima volta con l'ORT.

 

giovedì 12 maggio 2022 | Livorno, Teatro Goldoni ore 21.00

venerdì 13 maggio 2022 | Firenze, Teatro Verdi ore 21.00 

sabato 14 maggio 2022 | Figline, Teatro Garibaldi ore 21.00

lunedì 16 maggio 2022 | Poggibonsi, Teatro Politeama ore 21.00

martedì 17 maggio 2022 | Ravenna, Teatro Alighieri ore 21.00

 

Stagione Concertistica 2021/22
Erina Yashima direttore
Stefan Milenkovich violino

Orchestra della Toscana

BRUCH Concerto n.1 per violino e orchestra op.26

BEETHOVEN Sinfonia n.3 op.55 Eroica

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.