Firenze e il Pnrr, dalle tramvie al Franchi: Nardella fa il punto nell'incontro con Draghi

L'intervento del sindaco. 'Grazie al Pnrr quasi 13 mila posti di lavoro in 5 anni'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 23 febbraio 2022 19:44

L'incontro al Teatro del Maggio tra il presidente del Consiglio Mario Draghi, le autorità locali i rappresentanti delle categorie economiche è stato l'occasione per fare il punto sui progetti del Pnrr per Firenze e la Città Metropolitana. 

 

Qui il discorso del Presidente Draghi, che ha anche annunciato che non sarà prorogato lo stato d’emergenza oltre il 31 marzo.

 

“Le città sono state le più colpite dall’emergenza sanitaria, ma sono anche le più impegnate nella ripresa - ha esordito il sindaco Dario Nardella durante l'incontro con Draghi al Maggio - Firenze è tra queste. La nostra città, intesa come città metropolitana ha risentito forse più di altre dell’impatto negativo dell’emergenza sanitaria non solo perché ha una forte vocazione turistica, ma anche per la sua economia industriale molto votata all’export e la presenza di una rete senza pari di università straniere e centri internazionali di cultura e ricerca. Questa vocazione all’apertura e all’internazionalità, che è stato un elemento di forte debolezza di fronte alla pandemia, oggi si tramuta in una carta vincente, in una opportunità. Per questo, caro Presidente, Firenze e tutta la città metropolitana vuole giocare un ruolo decisivo per il successo del PNRR”.

 

“Non mi soffermo su tutti i progetti già presentati e quelli in via di realizzazione: il PNRR attiverà circa un miliardo e mezzo di euro di fondi diretti e indiretti statali nel nostro territorio senza considerare quelli già in corso di esecuzione - ha continuato il sindaco - ed è un grandissimo volano di sviluppo sostenibile del territorio: da qui ai prossimi 5 anni, attiveremo 12.800 posti di lavoro diretti. Dal punto di vista generale, la sfida più grande che riscontriamo nel percorso di attuazione del Piano nazionale è quella delle procedure e delle norme per la progettazione, l’appalto, il controllo, la realizzazione e la rendicontazione delle opere pubbliche”.

 

Tra i nodi cruciali evidenziati da Nardella ci sono “i cantieri autostradali situati intorno alla città, relativi alla A11 e A1, dove abbiamo fermi progetti esecutivi già varati per un totale di 1 miliardo di investimenti in attesa dello sblocco a livello nazionale della questione di Autostrade; alla stazione dell’AV con il sottoattraversamento di Firenze e all’aeroporto, per il quale è prevista una riqualificazione più che un potenziamento, per consentire la massima funzionalità in condizioni di sicurezza. Su questi progetti confidiamo nel suo personale interessamento e nel supporto del Governo”.

 

Nardella ha anche ricordato che “a Palazzo Vecchio lunedì 7 marzo presenteremo il progetto vincitore di un concorso internazionale di progettazione per il restauro e la riqualificazione dello Stadio Franchi, considerato un monumento di interesse nazionale, che a sua volta innescherà un progetto di rigenerazione dell’intero quartiere - con più di 80.000 abitanti – di 450 milioni di euro con la nuova tramvia e nuovi spazi pubblici e verdi, servizi e impianti sportivi. A tal proposito ci candideremo per parte di questa riqualificazione a ottenere un finanziamento nell’ambito dei Piani Integrati delle Città Metropolitane già varati dal Ministero dell’Interno per coprire tutto il fabbisogno per la realizzazione del nuovo stadio”.

 

“A proposito di città metropolitane, anche in qualità di coordinatore nazionale dei 14 sindaci - ha affermato il sindaco - sottolineo l’opportunità di aumentare i canali di finanziamento diretto alle città metropolitane, dove si concentra il 36% della popolazione italiana e si produce quasi il 40% del PIL nazionale”.

 

Il cuore degli investimenti del PNRR è rappresentato a Firenze dalle tramvie - ha sottolineato Nardella -: un sistema di 7 linee, 3 delle quali già realizzate (2 nel mio mandato) per un totale di 1,8 miliardi di euro, di cui quasi 800 milioni completati, rispettando il quadro economico iniziale, cosa per niente scontata negli appalti pubblici in Italia. Grazie al PNRR possiamo realizzare la linea di Bagno a Ripoli, la linea per Campi Bisenzio e, speriamo la linea per Sesto Fiorentino di cui abbiamo parlato ieri con il Ministro Giovannini a Roma. Intanto l’8 marzo inizieranno i lavori della variante della linea che arriva al centro storico da nord. Mentre entro l’anno inizieremo i lavori della linea di Bagno a Ripoli. A seguire la linea 4 per Campi ed entro il 2026 dovremo completare anche la linea per lo Stadio e Rovezzano. A regime, Firenze a livello metropolitano sposterà 80 milioni di passeggeri l’anno con un abbattimento di oltre 30.000 ton di Co2.

 

"L’ambiente è la nostra stella polare. Abbiamo già ridotto del 40% le emissioni di Co2 dal 2005 e puntiamo a raggiungere la carbon neutrality nel 2040, con 10 anni di anticipo rispetto agli obiettivi fissati dall’UE, patto che abbiamo condiviso con le altre città europee nell’assemblea di Lipsia di Eurocities. A completamento di tutto il sistema di trasporto pubblico di area metropolitana, abbiamo pronti i progetti per 2 linee di Jumbo Bus, BRT, che raggiungono le aree dove non arrivano né ferrovia né Tramvia. Mi riferisco alla linea Osmannoro - Poggibonsi e alla linea Greve in Chianti - Rovezzano”, conclude Nardella.

 

Al Maggio si è concluso il pomeriggio fiorentino del premier, iniziato con la visita allo stabilimento produttivo dell’azienda Ferragamo a Sesto Fiorentino, seguito dall'intervenuto all’apertura dei lavori dell'incontro dei vescovi "Mediterraneo frontiera di pace" in Santa Maria Novella.

 

LEGGI ANCHE

Draghi a Firenze, lo stato d'emergenza non sarà prorogato. L'incontro al Maggio

Firenze, si apre l'incontro dei vescovi del Mediterraneo. L'intervento di Mario Draghi

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.