Attacco hacker dei no vax alla Asl Toscana Sud Est: 'Clima di tensione inaccettabile'

Migliaia di commenti, offese e ingiurie dei no vax

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 14 ottobre 2021 10:22

Attacco hacker firmato 'no vax' sulla pagina Facebook dell'Asl Sud Est Toscana.

 

A darne notizia è stata la stessa azienda sanitaria: l’attacco è iniziato verso le 8 di sabato mattina. La pagina Facebook della Asl Tse è stata presa d’assalto con ingiurie e offese nei confronti dei sanitari e delle vaccinazioni. 4.500 in pochissimo tempo, apposte in blocco, scritte con caratteri cubitali, provenienti da profili che riportano lo stesso simbolo, una W rossa. Le accuse più gentili erano di dittatura sanitaria e di nazismo.

 

L’ipotesi, scrive la Asl in una nota, è che la fonte dell’attacco sia stata una app di messaggistica istantanea che moltiplica in automatico i commenti di ingiuria e odio.
 

Il Direttore generale della Asl Tse, Antonio D’Urso, ha sporto denuncia presso la Polizia Postale. “Violenza e odio stanno purtroppo diventando pratiche diffuse, sia nel mondo reale che in quello virtuale. Se qualcuno pensava di intimidire la nostra azienda e i suoi operatori, ha sbagliato di grosso. Azioni come queste non fanno altro che sostenerci nella nostra convinzione di intensificare al massimo la campagna vaccinale. Domani il nostro camper sarà alla mattina nella piazza centrale della città e nel pomeriggio di fronte alla mensa Caritas di San Domenico. I nostri centri vaccinali continuano tranquillamente nel loro lavoro. Certo, non possiamo non preoccuparci del clima generale che si sta creando e che rischia di mettere gli operatori sanitari nel mirino, virtuale, di soggetti violenti. Siamo certi che i cittadini sapranno isolarli e che la magistratura saprà individuarli e punirli. Noi, da parte nostra, continuiamo il nostro lavoro”.

 

"Esprimo la mia piena solidarietà a tutti gli operatori sanitari e alla direzione della Asl Sud Est per l'attacco informatico subìto. È un fatto gravissimo, che alimenta un clima di tensione inaccettabile, oltre a causare possibili disfunzioni al servizio destinate a ricadere sui cittadini. Mi auguro che certi fatti non si ripetano e invito tutti ad un confronto civile e rispettoso", ha commentato l'assessore al diritto alla salute toscano Simone Bezzini.


“Il vaccino è lo strumento più forte che abbiamo contro il Covid - prosegue Bezzini - per tutelare la salute di tutti noi e superare l’emergenza sanitaria, che tanto dolore e sofferenza ha portato con sé. La campagna vaccinale prosegue con ancora più forza, se la nostra Regione è prima per popolazione coinvolta è merito delle toscane e dei toscani che hanno fatto una scelta responsabile di amore verso se stessi e gli altri. Anche se ora siamo partiti con le terze dosi, per coloro che ancora dovessero fare le prime due le porte di tutti i nostri punti vaccinali sono più che aperte”.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.