Toscana arancione con zone in rosso, Firenze compresa: firmate le ordinanze

Giani: 'Zone rosse per non ingolfare gli ospedali'. Dalle 14 del 17 aprile tutta la Toscana torna arancione

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 10 aprile 2021 15:09

Arrivano le ordinanze sulle zone rosse locali in Toscana, che tornerà arancione da lunedì 12 aprile, ma con alcune aree, Firenze compresa, che rimarranno con le restrizioni maggiori fino a sabato: dalle 14 di sabato 17 aprile la Toscana sarà tutta arancione.

 

Il presidente della Regione Eugenio Giani ha firmato oggi le ordinanze che decretano il permanere in zona rossa, fino alle ore 14 di sabato 17 aprile, di Città metropolitana di Firenze, Provincia di Prato, Comuni di San Miniato, Montopoli in Val d’Arno, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco di Sotto, (in Provincia di Pisa ma compresi nella zona socio sanitaria Valdarno Empolese Valdelsa) e di quelli di Poggibonsi, San Gimignano, Colle di Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli (in Provincia di Siena ma compresi nella zona socio sanitaria Alta Valdelsa). 

 

Di comune accordo con il ministro Speranza e con tutti i sindaci, dopo sei riunioni svoltesi nella tarda serata di ieri per condividere ogni scelta - spiega Giani - abbiamo deciso di mantenere ancora una settimana in rosso i territori della Provincia di Prato e della Città metropolitana di Firenze, capoluogo compreso. Sono cinque giorni in più ma sono quei cinque giorni che ci servono a non ingolfare gli ospedali”.

 

Rimane in rosso anche Firenze che pure avrebbe numeri da zona arancione. A preoccupare sono gli ospedali. “Si è deciso – prosegue Giani -  d’intesa con tutti i sindaci, di mantenere in rosso anche Firenze per la saturazione di posti letto e terapie intensive negli ospedali della zona e perché fortemente connessa con il resto dell’area metropolitana e con altri territori come empolese-valdelsa o il comprensorio del cuoio, dove l’indice di contagio è ancora un po’ più alto. Una scelta intelligente che consentirà di contenere i contagi e di favorirne la decrescita”.    

 

L’ordinanza, precisa Giani, stabilisce una scadenza per le zone che restano in rosso, quella di sabato 17 aprile alle 14. “Abbiamo voluto così introdurre un elemento di speranza per le attività produttive che – prosegue il presidente -  tornando in arancione dal pomeriggio di sabato 17, potranno così pensare ad un fine settimana di riaperture. Credo che questo sarà un sacrificio destinato a dare i suoi frutti e che, con all’accelerazione della campagna vaccinale e all’arrivo di migliori condizioni climatiche porterà a stabilizzare la situazione. Un primo segnale incoraggiante viene già da stamani, con 1.177 nuovi casi contro gli oltre i 1600 di sabato scorso e con timidi segnali di liberazione di terapie intensive”.

 

Cosa comporta la zona rossa? 

 

Spostamenti. Gli spostamenti sono vietati, anche all'interno del proprio comune, se non per comprovate esigenze di lavoro, o per situazioni di necessità e motivi salute. Resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5. 

 

NegoziChiudono anche i negozi, ad eccezione di quelli alimentari e di prima necessità (tra gli altri: supermercati, farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie, fioristi, librerie, negozi per bambini, ferramenta, negozi di articoli sportivi e di elettronica). Chiusi anche i banchi non alimentari dei mercati. Chiusi i parrucchieri, i barbieri, e i centri estetici.

 

Ristorazione. Bar e ristoranti restano chiusi, ma potranno effettuare consegne a domicilio (senza restrizioni di orario) e vendita da asporto (fino alle 22 per i ristoranti e alle 18 per i bar, ma a Firenze, per ordinanza comunale, nel fine settimana la vendita di alcolici si stoppa alle 16, anche nei supermercati). E' vietato consumare all’interno dei locali e nelle immediate vicinanze.

 

Sport. Restano chiuse palestre e piscine. L'attività motoria è consentita nei dintorni dell'abitazione. L'attività sportiva è consentita solo all'aperto e in forma individuale.

 

Non sono permesse visite a parenti e amici.

 

In zona arancione invece riaprono i negozi, e sono concessi gli spostamenti all'interno del proprio comune (sempre in orario 5-22), mentre per quanto riguarda gli spostamenti fuori comune, sono permessi solo per comprovate esigenze di lavoro, o per situazioni di necessità e motivi salute.

 

LEGGI ANCHE:

Il bollettino di oggi, sabato 10 aprile

Vaccini, il 68% degli over 80 ha avuto la prima dose. Giani: 'Toscana non agli ultimi posti'
La Toscana torna arancione ma Firenze rimane in zona rossa

Covid, Ordine dei medici Firenze: 'Fiducia in tutti i tipi di vaccini'

Estremamente vulnerabili e disabili gravi, al via la prenotazione dei vaccini: le modalità

Covid, cosa c'è da sapere sui vaccini ai vulnerabili: le risposte della Regione Toscana

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.