Vis Art

'Eleonora da Toledo e l'invenzione della corte fiorentina', nuova mostra a Palazzo Pitti

Eike Schmidt: "Una manager abilissima e una Anne Wintour del suo tempo"

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 06 febbraio 2023 15:12

Dal 7 Febbraio al 14 Maggio 2023 al Tesoro dei Granduchi di Palazzo Pitti si svolgerà la mostra "Eleonora e l’invenzione della corte fiorentina". Una mostra autoprodotta dalle Gallerie degli Uffizi e dedicata a Eleonora di Toledo (Alba de Tormes, 1522 – Pisa, 1562) nell’ambito delle celebrazioni per il cinquecentenario della nascita.

 

Nella mattina di oggi, Lunedì 6 febbraio, c'è stata la presentazione della mostra nella sala bianca di Palazzo Pitti alla presenza del direttore degli Uffizi Eike Schmidt, della coordinatrice del Tesoro dei Granduchi Valentina Conticelli e del curatore della mostra Bruce Edelstein. 

 

"Insieme a Maria Luisa de Medici, l'Elettrice Palatina, Eleonora da Toledo è una delle due donne più importanti della storia di Firenze" ha detto Eike Schmidt. 

 

La storia di Eleonora da Toledo si lega a Firenze a 360° non solo per la grande abilità politica e la saggezza con cui aiutava Cosimo I ad amministrare il Ducato di Toscana, ma anche per la storia della moda e dei costumi fiorentini. 

 

Ma chi era Eleonora da Toledo e come spiegare la figura di una donna così importante per i suoi contemporanei e così sconosciuta ai giorni nostri? Lo spiega il curatore della mostra Bruce Edelstein che ripercorre la storia della Duchessa. Eleonora da Toledo nacque ad Alba de Tormes nel 1522, ma della sua infanzia si sa pochissimo. Nel 1532 segue il padre Pedro Alvarez de toledo y Zuniga a Napoli. Il padre era stato nominato vicerè della città per volere di Carlo V d'Asburgo. 

 

Secondo gli storici Napoli all'epoca era un caos e fu proprio Pedro a migliorare la città sotto un profilo economico, sociale ed urbanistico. Eleonora crebbe nel lusso e nello sfarzo, apprendendo le basi del gusto che porterà a Firenze e che cambierà il volto della capitale del ducato toscano. Sposata per procura a Cosimo I della famiglia Medici, nel 1537 sbarcò a Livorno dove incontrò il marito. Il loro, secondo, gli storici, fu un matrimonio felice con la nascita di 11 figli ( di cui solo 4 vissero più a lungo della madre). 

 

Nel 1539 Eleonora da Toledo arrivò a Firenze, più precisamente il 29 giugno, vestita di raso cremisi ricamato con un filo d'oro. Poesie, musiche, spettacoli, fu una presentazione sfarzosa, come non si era mai vista. Negli anni successivi, la duchessa divenne reggente e prima consigliera del marito: ambasciatori e storici riportano che Cosimo I non prendeva una decisione senza prima averla interpellata. Eleonora cambiò il volto di Firenze: nel 1540 Palazzo Vecchio venne riadattato e decorato secondo i suoi gusti e nel 1550 la duchessa acquistò Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli con le sue finanze, amministrandoli e arricchendoli. Morì prematuramente nel 1562.

 

"Una manager abilissima e una Anne Wintour del suo tempo", così l'ha definita il direttore Schmidt. E la moda ha una parte importante nella mostra: Eleonora, infatti, porterà a Firenze gli usi e i costumi della moda napoletana diventando l'arbiter elegantiarum del ducato toscano sia per la moda maschile, sia per la moda femminile. 

 

Sono oltre 100 le opere, con rilevanti prestiti internazionali, tra dipinti, disegni, arazzi, abiti, gioielli, pietre preziose racconteranno la vita, la personalità e l’esteso impatto culturale di Eleonora di Toledo.

 

Agnese Paternoster

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.