Vis Art

Ex Gkn, tavolo al Ministero del Lavoro. Cgil: 'Nessuna novità'. Messaggio di fine anno dei lavoratori

'Messaggio dal passato per chi sta ostinatamente provando a costruire un futuro'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 31 dicembre 2022 16:34

Si è tenuto ieri, 30 dicembre, il tavolo del Ministero del Lavoro sulla vertenza Qf (ex Gkn). “L’incontro di oggi convocato dal Ministero dal Lavoro non ha portato nessuna novità alla soluzione della complicata vertenza. Qf continua a ribadire che lo stallo del processo di reindustrializzazione è dovuto alla mancanza di agibilità dello stabilimento ‒ nonostante sia stata smentita dalle visite dei tecnici della Regione ‒ e a chiedere la copertura retroattiva della cassa integrazione", dichiara in una nota Simone Marinelli, coordinatore automotive per la Fiom-Cgil nazionale.


"Nei vari incontri tenuti al Mise tutte le parti hanno preso atto che il progetto presentato da Qf è di fatto impraticabile per responsabilità aziendale. Oggi avremmo voluto discutere del futuro industriale dello stabilimento e del pagamento dei salari dei lavoratori, ragione per la quale la Fiom non ha firmato il verbale di una procedura contestata nei modi e nei contenuti. È necessario che il confronto venga riportato al Mimit con la presenza della Regione Toscana e del Comune di Firenze, che hanno avviato attività di ricerca di nuovi soggetti industriali e di verifica dei progetti presentati al Comitato di proposta e verifica lo scorso 20 dicembre".

 

"Inoltre continua ad aleggiare sulla vertenza un possibile ruolo di una società pubblica, rispetto al quale ad oggi non ci sono state comunicazioni formali e chiediamo venga fatta chiarezza. L’accordo quadro sottoscritto al Mise il 19 gennaio, non rispettato da Qf, è l’elemento di garanzia da cui ripartire, ma vanno rimossi gli atteggiamenti messi in campo dall’azienda per drammatizzare la situazione, a partire dal mancato pagamento degli stipendi delle lavoratrici e dei lavoratori", conclude la nota.

 

I lavoratori ex Gkn mandano un messaggio di fine anno dalle pagine social del Collettivo di Fabbrica. "Messaggio dal passato per chi sta ostinatamente provando a costruire un futuro. Qf non ha ottenuto la cassa integrazione per sue uniche e dirette responsabilità. Perché ancora in questo paese usare i soldi pubblici a caso non è così sfrontatamente permesso. Deve pagare le spettanze arretrate, cessare questo gioco di confusione e immobilismo, lasciare il passo a una discussione vera sui piani industriali. Il Ministero del Lavoro è libero di coprire la condotta di Qf concedendole una cassa integrazione in deroga retroattiva. Qualcosa che griderà vendetta per chiunque in questo paese acceda agli ammortizzatori sociali con cognizione di causa e per chiunque paghi i contributi. Responsabilità vostra in un grande mondo libero".

 

"Qf non ha un piano industriale e ci ha tenuti fermi tra le chiacchiere per un anno. E forse è questo il piano: immobilismo e logoramento per fare lentamente ciò che il fondo finanziario non è riuscito a fare di colpo. Borgomeo arrivò un anno fa come ex advisor di Gkn. Ed è ormai lecito accampare ogni genere di dubbio su quale siano i reali scopi di questo arrivo e gli accordi che l'hanno circondato. Lo stabilimento è perfettamente agibile a chiunque lo voglia realmente fare ripartire. Lo dimostrano numerosi episodi e visite tra cui il sopralluogo stesso della Regione. Quello che c'è qua è un'altra cosa. Qua c'è uno sbarramento di dignità consapevolezza composto da un Collettivo di Fabbrica, un territorio, dalla consapevolezza solidale e pensante. Lo Stato, la politica, le istituzioni -usate il termine che preferite- non si ritengano assolti. Perché hanno in fondo permesso tutto: la delocalizzazione, un anno di giochi e giochini".

 

"Anche qua ormai è lecito chiedersi se lo facciano per incompetenza, impotenza o con l'intento preciso di non permettere a questa lotta di creare un precedente positivo per tutte e tutti. Ognuno è libero di smentirci: con i fatti, non con le veline, non con gli annunci, non con la tastiera dei social. Noi abbiamo un piano. Lo si metta a verifica subito, perché siamo i primi interessati a questa verifica. Perché se ci stiamo sbagliando, abbiamo interesse nel correggere l'errore. La cassa integrazione può essere accesa collegandola all'intervento pubblico e ai nostri piani industriali. Anche domani. Invitalia, Cassa depositi e prestiti, il Governo dei cosiddetti sovranisti hanno qualcosa di semplice da fare: fare intervenire il capitale pubblico a rilevare la società. La Regione può firmare un consorzio industriale, indagare il nostro piano industriale, fare da garante per l'apertura di una linea di credito. Anche domani".

 

"Un operaio non può sacrificare per sempre l'oggi al domani. La pressione delle bollette, del carovita, della casa, riprende il sopravvento a lungo andare. Il tempo gioca contro di noi e loro lo sanno. Sono cinici distruttori di futuro e quindi sanno come trasformare il tempo in un eterno presente, senza passato e senza futuro. Noi il passato però l'abbiamo già scritto. 17 mesi di assemblea permanente rimarranno nella storia, a ispirare, interrogare, piantati nel terreno come un monito, una lezione e un'accusa. Il futuro ce lo stanno provando a sfilare dalle mani. Con le ultime energie, con tutta la nostra caparbietà, stringiamole, queste mani, facciamoci futuro".

 

"Saremo ancora in grado di chiamarvi a costruire una fabbrica pubblica e socialmente integrata, basata su produzioni a servizio della transizione ecologica dal basso? Saremo in grado di resistere agli impazzimenti portati dall'incertezza, ai professionisti della zizzania e alla perdita di lucidità portata dalla stanchezza, per continuare a essere comunità? E se vi diciamo, che ancora "nessuno ferma la rabbia operaia" e che bisogna tenersi libere e liberi, sentirete il nostro grido? Non lo sappiamo. Ciò che possiamo soltanto dire -per dirla con Joe- che, per ora e ad oggi, "il futuro non è ancora scritto". Gkn calling".

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.