Firenze, contributi dal Comune per rottamare le auto più inquinanti

Due bandi, per residenti e imprese, per un totale di due milioni e mezzo di euro

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 24 settembre 2022 16:58

Da lunedì 26 settembre sarà possibile, per privati e imprese, fare domanda per i nuovi contributi per la rottamazione delle auto più inquinanti (diesel fino a Euro5) e l’acquisto di un veicolo a basso impatto ambientale (elettrico, ibrido o a gas). Due novità rispetto al passato: l’introduzione del criterio Isee per i residenti e la possibilità di fare domanda per chi ha un’impresa con sede anche nei comuni della cintura metropolitana.

 

Si tratta di due milioni e mezzo di euro messi a disposizione dal Ministero della transizione ecologica ed erogati dal Comune di Firenze in accordo con la Regione Toscana che potranno sommarsi a quelli statali e varranno fino a 7.500 euro per chi ha un Isee fino 36mila euro; i contributi potranno arrivare fino a 10mila euro per veicoli di trasporto merci di aziende, partite Iva ed enti del terzo settore. L’80% delle risorse sarà dedicato ai cittadini, il 20% a aziende, partite Iva e ETS.

 

Secondo la delibera, promossa dall'assessore all'ambiente e alla transizione ecologica, sono stati stanziati due milioni per cittadine e cittadini residenti a Firenze e mezzo milione alle imprese che hanno sede operativa non solo a Firenze ma anche nei Comuni dell’agglomerato (Bagno a Ripoli, Campi Bisenzio, Scandicci, Sesto Fiorentino, Calenzano, Lastra a Signa, Signa), in due distinti bandi gestiti dall’assessorato alla mobilità. I bandi rimarranno aperti fino al 31 dicembre 2022. A questo link le informazioni e le modalità di domanda: Acquisto veicoli a basso impatto ambientale | Ambiente

 

Per quanto riguarda il bando per i residenti, possono partecipare i cittadini in possesso di una certificazione Isee fino a 70mila euro. Due sono le fasce di contributi, riconoscendo un importo maggiore ai cittadini che hanno una situazione patrimoniale più bassa, in modo da compensare i maggiori costi da sostenere per l’acquisto dei mezzi ambientalmente più efficienti. La prima comprende coloro che hanno una certificazione Isee inferiore o uguale a 36mila euro (con contributi di 7500 euro per una vettura elettrica, 6mila euro per una ibrida e 3mila per una a gas), e l'altra per quanti hanno un Isee da tale quota e fino al massimo di 70mila euro (con contributi di 5mila euro per una vettura elettrica, 4mila euro per una ibrida e 2mila per una a gas).

 

Per quanto riguarda le imprese, il Comune, in accordo con la Regione, ha ritenuto opportuno estendere gli incentivi alle imprese che hanno sede operativa anche nei Comuni dell’agglomerato (Bagno a Ripoli, Campi Bisenzio, Scandicci, Sesto Fiorentino, Calenzano, Lastra a Signa, Signa) e non solo a Firenze. L’amministrazione ha tenuto conto che molte di queste svolgono effettivamente attività a Firenze e che è in previsione l’attivazione del cosiddetto 'scudo verde’ che imporrà limitazioni all’accesso su gran parte del centro abitato di Firenze. Al bando potranno partecipare micro, piccole e medie imprese, lavoratori autonomi titolari di partita Iva, enti del terzo settore iscritti al registro unico nazionale del terzo settore. 

 

I mezzi che possono essere acquistati con questi incentivi sono autovetture (6800 euro per un mezzo elettrico, 5mila per uno ibrido e 3400 per uno a gas) veicoli trasporto merci fino a 35 quintali (8500 euro per un mezzo elettrico, 6800 per uno ibrido e 5mila per uno a gas), veicoli trasporto merci fino a 75 quintali (10.000 euro per un mezzo elettrico, 8.500 per uno ibrido e 6.800 per uno a gas), tricicli e quadricicli destinati al trasporto cose e che hanno alimentazione elettrica (3.400 euro) o ibrida elettrica (2.500 euro), questi ultimi omologati almeno Euro5.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.