Grandinata a Vaglia, la conta dei danni. Il sindaco: 'Chiesto riconoscimento di calamità naturale'

Otto feriti, dieci sfollati, tetti danneggiati, auto fuori uso. In frantumi il vetro della Pieve di Bivigliano

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 27 settembre 2021 12:26

A Vaglia si contano i danni il giorno dopo il temporale. Il sindaco di Vaglia Leonardo Borchi ha informato che la Protezione Civile comunale ha dato luogo a segnalazione alla Regione Toscana per il riconoscimento della calamità naturale, in seguito di quanto accaduto nel pomeriggio di ieri, domenica 26 settembre, quando il territorio comunale è stato colpito da una violenta grandinata

 

Otto persone sono rimaste ferite, 110 coperture di tetti completamente danneggiate, diversi vetri in frantumi fra cui il rosone della Pieve di Bivigliano, 10 persone sfollate, 100 autoveicoli fuori uso, le strade provinciali e comunali sono state invase da detriti vegetali e vetri. Questo il bilancio dei danni, riportato dal sindaco.

 

Per il Comune ed i privati è possibile richiedere il rimborso delle spese sostenute. A questo fine occorre: documentare i danni con foto. Tutti gli interventi e spese relative ai danni devono essere documentati fiscalmente. In un secondo tempo, sarà necessaria la segnalazione dei danni attraverso la compilazione di apposito modulo ancora da definire.


Per venire incontro alle esigenze di spostamento per coloro che hanno avuto i mezzi privati di trasporto fuori uso, è istituito un servizio di navetta a chiamata all'interno del territorio comunale. Per tutte le segnalazioni e richieste è aperto da oggi lunedì 27 settembre fino a sabato 2 ottobre dalle ore 8:00 alle 15:00 il centralino telefonico al n. 055 500241

 

LEGGI ANCHE

Temporale, vento e grandine: danni e disagi. Alberi caduti a Firenze, feriti e sfollati a Vaglia
 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.