Fiorentina-Inter, 18 tifosi interisti denunciati: trovati fumogeni e mazze. Scontri tra tifoserie

Scontri tra tifosi a margine della partita

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 22 settembre 2021 15:09

Nella serata di ieri, martedì 21 settembre 2021, intorno alle ore 20, sei mezzi privati sono stati controllati in Viale Cialdini dagli agenti della Polizia di Stato impegnati nei servizi di ordine e sicurezza pubblica predisposti dal Questore di Firenze in occasione della partita tra Fiorentina ed Inter, disputatasi ieri sera allo stadio Artemio Franchi.
 

La Digos ha identificato 30 persone, tutte di provenienza lombarda e venute a Firenze a sostegno della squadra milanese, fa sapere la Questura. Su tre mezzi, sui quali viaggiavano 18 tifosi, sono stati rinvenuti 6 fumogeni e un totale di 17 mazze (delle quali 11 di gomma rigida e le restanti in parte in ferro, in parte in legno).
 

Tutti e 18, di età compresa tra i 17 ed i 47 anni, dei quali 13 già noti alle Forze di Polizia, sono stati denunciati per possesso ingiustificato di armi od oggetti atti ad offendere in occasione di manifestazioni sportive e tra questi 4 anche per il possesso dei fumogeni.


Sono in corso accertamenti al fine di verificare se i tifosi interisti abbiano dato luogo a precedenti scontri nella stessa serata con persone dell’opposta tifoseria. A margine della partita, come si vede in alcuni video sui social, ci sono infatti stati scontri tra le due tifoserie.


Nei confronti dei 18 tifosi interisti sono in corso di emissione da parte del Questore di Firenze dei D.A.S.P.O. (Divieto di accedere alle manifestazioni sportive) per vietare la loro partecipazione ad altre manifestazioni sportive fino anche a 10 anni, con possibile obbligo di presentazione alla Polizia.

 

(immagine di repertorio)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.