Franchi, sopralluogo di Nardella: 'Via ai lavori di manutenzione, ma lo stadio non è inagibile'

Il sindaco con tecnici e tifosi all'interno del Franchi: 'Ci potranno essere 25 mila mq di commerciale'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 18 febbraio 2021 15:06

Sono iniziati questa mattina, giovedì 18 febbraio 2021, i lavori di manutenzione straordinaria dello stadio Franchi, che per il momento riguardano la parte sotto la tribuna Maratona, nella parte più vicina alla curva Fiesole. Questi interventi, del valore di 2 milioni di euro, già stanziati, si svilupperanno lungo le prossime settimane e i prossimi mesi. Sopralluogo allo stadio Franchi questa mattina per il sindaco di Firenze Dario Nardella, insieme ai tecnici del Comune, all'assessore allo sport Guccione, al presidente della commissione sport Giorgetti, alla professoressa Terenzi dell'Università di Firenze, al presidente del Quartiere 2 Pierguidi e ad una rappresentanza delle associazioni dei tifosi viola. 

 

Al via oggi, giovedì 18 febbraio 2021, i primi lavori di manutenzione straordinaria, nel piano del Comune che dovrà riportare in sicurezza il Franchi. "Ma voglio precisare che lo stadio non è inagibile", ha sottolineato il sindaco Nardella. "Non c'è nessuna attestazione di inagibilità dello stadio. Il Comune ha chiesto l'agibilità per 1000 posti, il limite imposto dalle norme Covid. Quando finirà l'emergenza Covid, e gli stadi potranno tornare aperti ai tifosi, il Franchi sarà tranquillamente utilizzabile e accessibile dai tifosi come sempre. I lavori servono proprio a prevenire qualsiasi problemi di sicurezza statica". L’agibilità dello stadio Franchi è attualmente limitata a 1000 spettatori perché è questa la quota che era stata prevista dalle norme nazionali per le misure anti-Covid, fa sapere il Comune di Firenze. Non è superiore a mille perché non c’era motivo di richiedere alla Commissione di Vigilanza un numero maggiore di spettatori. Quanto alla questione del rinnovo decennale del certificato statico dello stadio Franchi, esso è stato limitato alla tribuna coperta, dove era previsto l'afflusso del pubblico. Non appena sarà superata l’emergenza sanitaria della pandemia e le norme nazionali consentiranno la riapertura degli stadi, il certificato statico sarà esteso e sarà richiesta l’agibilità sulla base della documentazione disponibile al momento, rafforzata peraltro dai lavori straordinari che proprio oggi sono stati avviati e che vengono effettuati anche approfittando della chiusura al pubblico dell’impianto.

 

Primi lavori per 2 milioni di euro, mentre la successiva fase, per il miglioramento sismico, costerà 7 milioni a Palazzo Vecchio. A seguire sarà organizzato il concorso internazionale di idee per la progettazione del nuovo Franchi, con l'obiettivo di iniziare i lavori di restyling (che prevederanno, tra l'altro, curve più vicine al campo), entro inizio 2024. "Copertura, nuove curve, servizi, spazi commerciali all'interno e all'esterno. Abbiamo un quadro molto chiaro, definito e completo. Possiamo prenderci l'impegno e rassicurare i tifosi: finita l'emergenza, potranno tornare a entrare in sicurezza", ha aggiunto Nardella. "Ringrazio i tifosi, li coinvolgeremo per raccogliere indicazioni per la progettazione della ristrutturazione".

 

La novità è poi sugli spazi commerciali che nasceranno dentro e fuori dal nuovo Franchi: "Nella delibera di giunta di martedì abbiamo previsto la possibilità di realizzare fino a 15 mila metri quadri fuori dallo stadio, più o meno l'area interessata dai campini, oltre agli 8-10 mila metri quadri all'interno dello stadio. La Fiorentina potrà tranquillamente valutare il livello di redditività quando saranno definite le misure", ha poi detto il sindaco. Con un messaggio poi per Commisso: "Noi sul Franchi andiamo fino in fondo. Con questi metri quadri di attività commerciali c'è la piena possibilità di avere le risorse economiche necessarie per poterlo gestire e mandare avanti. Il nostro obiettivo è iniziare i lavori finali ad inizio 2024. Tempi abbastanza brevi per un intervento così impegnativo e complesso, che riguarda tutto il quartiere di Campo di Marte. Con una situazione del genere la Fiorentina può trovare tutti gli stimoli per continuare a giocare nella casa della Fiorentina. Abbiamo il dovere di renderla più bella e funzionale possibile. La cosa che mi interessa è che dopo le parole ci siano i fatti. Avevamo detto di iniziare i lavori a febbraio, e lo stiamo facendo".

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.