Saldi, Confartigianato Firenze: 'Siano posticipati a marzo o rischiano di essere inutili'

'In questo momento non sappiamo come sarà la situazione a fine gennaio'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 02 gennaio 2021 14:02

Confartigianato Firenze chiede una nuova data per i saldi invernali. Per la Toscana l'inizio sul calendario è cerchiato al 30 gennaio, ma sul periodo incombe ancora il rischio di una zona arancione o rossa, che renderebbe inutile ogni strategia di sconto.

 

"In questo momento non sappiamo come sarà la situazione a fine gennaio - commenta Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Firenze - Occorre spostare i saldi un mese e mezzo più avanti, a marzo. Si rischia di avere negozianti costretti a vendere a prezzi ridotti, ma nessuno che possa fruirne. Oltre al danno sarebbe la beffa".

 

Nel settore dell'artigianato i saldi producono fino al 20-25% del fatturato annuo. "Da tempo chiediamo di rinegoziare modalità e tempistiche - prosegue Sorani -. Anche in condizioni normali, gli sconti a metà stagione rappresentano un blocco per molte attività, non un vantaggio. Ma in un contesto come questo, fare i saldi a fine gennaio ci sembra davvero assurdo. Serve spostarli a marzo per dare un minimo di garanzia sugli acquisti".

 

Confartigianato Firenze chiede quindi di riorganizzare il calendario. "E' l'occasione per la Regione Toscana di sedersi attorno a un tavolo e stabilire nuove regole. Sia per quest'anno, ma anche per il futuro - conclude il presidente - Bisogna rivedere tutto il sistema. Questa può essere l'occasione di far diventare i saldi, per davvero, di fine stagione: prodotti invernali venduti a fine inverno e non a metà stagione come accade adesso. Sfruttare al meglio gli sconti, specie quest'anno, può essere una spinta economica".

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.