Negozi, bar e ristoranti con le serrande su: la mobilitazione di Confcommercio. 'Voglia di ripartenza'

'Possiamo garantire standard elevati di sicurezza e vogliamo e, soprattutto, dobbiamo tornare a lavorare'

Galleria immagini

1545 Visualizzazioni

lunedì 04 maggio 2020 17:54

Si è svolta nella mattina di oggi, lunedì 4 maggio, dalle ore 10.30 alle 13, la mobilitazione di negozi, bar e ristoranti delle città toscane che sono rimasti aperti per sensibilizzare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulla necessità di riaprire le attività e di varare misure concrete di sostegno al settore, per evitare il peggio.

 

Sono state molte le imprese che hanno partecipato alla mobilitazione indetta da Confcommercio Toscana, alzando la serranda.

 

Sono 128mila in Toscana le imprese del terziario sospese nel periodo di lockdown, 35mila in provincia di Firenze, che hanno visto i propri ricavi completamente azzerati o quasi e che ora, col protrarsi dell’emergenza sanitaria, si sentono ogni giorno di più a rischio sopravvivenza, secondo quanto fa sapere Confcommercio. Proprio per raccogliere il loro grido di allarme Confcommercio Toscana ha organizzato la mobilitazione che ha visto coinvolti capillarmente molti negozi, bar e ristoranti di tutte le città toscane.

 

Serrande alzate, porte aperte, luci accese: pur senza far entrare i propri clienti, gli imprenditori del terziario hanno voluto sensibilizzare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulla "necessità stringente di ripartire, così come è stato concesso ad altri settori, economici, e su quella di misure concrete di sostegno al settore (come contributi a fondo perduto, moratoria fiscale, aiuti per pagare affitti e bollette) per evitare il peggio".

 

Secondo l’indagine commissionata da Confcommercio Toscana all’istituto Format Research, per il 2020 è a rischio l’11% del valore aggiunto complessivo del terziario regionale, ovvero 8,5 miliardi di euro; sono in bilico 65 mila posti di lavoro e potrebbero andare in fumo tra le 20 mila e le 30 mila imprese del commercio, della ristorazione, della ricezione turistica, dei servizi alle imprese, dei servizi alla persona, della logistica.

 

“La crisi economica nata dall’emergenza sanitaria è ben più dura di quelle che abbiamo vissuto nel 2008 e nel 2011. Ci sono settori che, come il turismo, hanno azzerato il loro apporto alla ricchezza regionale e il contraccolpo sarà durissimo”, commenta la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini, “per questo oggi abbiamo dato voce a quella parte del terziario che è stata esclusa dalla ripartenza. Si tratta, non dimentichiamolo, di imprenditori con famiglie, figli, genitori anziani: nessuno vuole mettere in pericolo la propria salute. Ma possiamo garantire standard elevati di sicurezza e quindi vogliamo e, soprattutto, dobbiamo tornare a lavorare per garantire un futuro alle nostre imprese e ai nostri dipendenti. E rivolgo un appello ai nostri clienti: non dimenticateci, abbiamo bisogno della vostra solidarietà, potremo risollevarci solo grazie a voi”.

 

“C’è tanta voglia di ripartenza”, sottolinea il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni, “oltre due mesi di inattività hanno minato duramente gli equilibri economici delle nostre aziende, ma non ancora il nostro spirito. Oggi ci siamo mobilitati perché non c’è motivo di tenere altre due settimane ferme alcune attività, mentre altre già sono ripartite. Perché una profumeria o un ferramenta possono lavorare ed un negozio di casalinghi, per esempio, no? Crediamo sia più pericoloso mettere insieme decine di centinaia di operai nelle fabbriche che non autorizzare ad entrare nei nostri negozi, un cliente alla volta, rispettando tutte le misure di prevenzione. Non vorrei che qualcuno avesse già decretato la morte di decine di migliaia di imprese commerciali, che rappresentano la spina dorsale di un modello sociale italiano, che ci distingue dagli altri. Non vogliamo diventare un Paese che vive di Amazon, commercio elettronico e delivery”.

 

“Per i ristoranti e pubblici esercizi in genere è più importante il “come” riaprire, rispetto al “quando””, aggiunge il presidente della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) Confcommercio Aldo Cursano, “se dovessimo riaprire con gli stessi costi di prima, e gli incassi più che dimezzati dalle misure di prevenzione e dalla paura del virus, sarebbe un bagno di sangue”, spiega. “Vogliamo ripartire presto, ma servono misure di sostegno importanti. Per questo abbiamo chiesto spazi pubblici gratuiti nei quali distanziare meglio i nostri tavolini e mantenere gli stessi coperti di prima, sgravi sulle locazioni, la deducibilità fiscale delle spese di ristorazione e la riduzione dell’Iva, e soprattutto la decontribuzione delle spese del personale”.

 

Alla mobilitazione hanno partecipato anche le rappresentanze degli ambulanti. “Siamo gli invisibili del commercio”, denuncia il presidente regionale di Fiva (Federazione Italiana Venditori Ambulanti)-Confcommercio Rodolfo Raffaelli, “un negozio chiuso si nota, ma dei nostri banchi non resta traccia. Qualcuno di noi ha dovuto sospendere il lavoro addirittura dalla fine di febbraio e ancora molti mercati sono sospesi anche per la parte alimentare. Le nostre sono molto spesso imprese familiari, non abbastanza strutturate per resistere a questi mesi di mancati incassi. Abbiamo bisogno di sostegni concreti, come l’esonero da Cosap e Tari e liquidità a fondo perduto, ma soprattutto vogliamo tornare a fare i mercati all’aperto, che hanno tutti i requisiti per poter diventare luoghi sicuri per la spesa”.  

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.