Firenze, sei nuove piste ciclabili in città: via libera della giunta comunale

L’assessore Giorgetti: "Intervento per incentivare la mobilità ciclabile sempre più necessaria in questo periodo di distanziamento sociale"

Galleria immagini

1016 Visualizzazioni

giovedì 23 aprile 2020 09:54

Si amplia la rete delle piste ciclabili a Firenze.

 

La giunta comunale nella seduta di ieri, 22 aprile, riferisce il Comune di Firenze, ha dato il via libera ad un pacchetto di interventi relativi a ulteriori percorsi riservati alle biciclette nei Quartieri 2, 3 e 4 per complessivi 450mila euro finanziati nell’ambito del programma PON Metro.

 

"Oggi abbiamo approvato il progetto di altri sei trattti di piste ciclabili – le parole dell'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti riportate in una nota del Comune di Firenze -. Si tratta di un importante tassello della realizzazione di una rete più ampia e razionale finalizzata a incentivare la mobilità ciclabile sempre più necessaria soprattutto in questo periodo dove dobbiamo mantenere una adeguata distanza sociale".

 

I progetti riguardano le piste ciclabili in viale Gramsci-viale Mazzini, viale Segni, via Lapini, via Livenza, via Lunga e via del Cavallaccio per quasi un chilometro e 830 metri.

 

Per quanto riguarda il primo, il tracciato previsto dal progetto inizia all'intersezione tra il viale Gramsci e via Coletta e termina all'incrocio tra viale Mazzini e via Bovio configurandosi come un collegamento tra la pista esistente di viale Gramsci e quella prevista in viale Segni. Complessivamente si tratta di 275 metri di cui la stragrande maggioranza su viale Mazzini di pista a doppio senso di marcia che si svilupperà tra il marciapiede e la sosta che verrà riorganizzata.

 

Il progetto relativo a viale Segni riguarda il tratto tra via Nathan Cossutto e viale Gramsci. Anche in questo caso si tratta di un collegamento tra percorsi esistenti e progettati. La pista, lunga 141 metri, sarà in sede propria sulla corsia carrabile esistente tra il parcheggio e il marciapiede che costeggia gli edifici lato numeri civici. Non sono previste modifiche per la circolazione e per la sosta.

 

Per quanto riguarda via Lapini, l'intervento inizia in via Scipione Ammirato in prossimità di piazza Alberti per proseguire fino al sottopassaggio del Cavalcavia dell'Affrico. Il percorso, con uno sviluppo di 145 metri circa, si andrà a collegare con la pista esistente di via Credi e con quella in progettazione di via Scipione Ammirato e quella inserita nel pacchetto approvato oggi di viale Mazzini-viale Gramsci. Il percorso sarà realizzato in adiacenza al marciapiede che, nei tratti più stretti sarà risagomato.

 

Anche in via Livenza sarà realizzata una una ricucitura di piste esistenti, in particolare quella di via Cimitero del Pino. In tutto sono 73 metri circa di itinerario e una rimodulazione della sosta nel tratto relativo a piazza Rodolico. Passando a via Lunga, la nuova pista ciclabile inizierà in via Foggini (fermata tranviaria) per terminare al sottopasso pedonale di viale Etruria andandosi a collegare con via Pampaloni. Complessivamente sono 520 metri circa con alcune modifiche alla viabilità come l'istituzione di un tratto a senso unico, la realizzazione di nuovi stalli per la sosta e rastrelliere per le bici.

 

Rimanendo nel Quartiere 4 il pacchetto di interventi prevede anche la pista ciclabile di via del Cavallaccio. Si tratta della prosecuzione di quella in fase di progetto di via Signorelli: inizia infatti in prossimità dell'attraversamento di via Simone Martini e via Signorelli e termina nei pressi del capolinea bus alla rotatoria tra via del Cavallaccio e via della Casella passando all'interno del parco pubblico (sviluppo circa 675 metri). Non sono previste modifiche alla circolazione che rimarrà a doppio senso.

 

Immagine di repertorio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.