Coronavirus, continuano i controlli. A Firenze multati quattro giovani su una panchina

I dati del fine settimana nella Città Metropolitana

Galleria immagini

20532 Visualizzazioni

lunedì 06 aprile 2020 19:22

Proseguono i controlli a Firenze e nel fiorentino per il rispetto delle norme di contenimento del Coronavirus.

 

Quattro giovani seduti sulla stessa panchina e senza motivazione valida per essere fuori casa. Ecco in cosa si è imbattuta oggi pomeriggio una pattuglia della Polizia Municipale nel giardino di via Pietro da Cortona. Gli agenti, come riporta una nota del comune di Firenze, hanno notato quattro persone sedute sulla stessa panchina, in violazione della minima distanza interpersonale, e senza motivazione valida per essere fuori casa.

 

Per i quattro, giovani tra 19 e 30 anni, è scattata la sanzione fino a un massimo di 3.000 euro. Per quanto riguarda i controlli, questa mattina gli agenti hanno fermato ed effettuato accertamenti su 228 persone con 7 sanzioni.

 

A livello metropolitano, sono 3209 le persone controllate nella giornata di sabato 4 aprile, in tutta la Città Metropolitana di Firenze, per il mancato rispetto delle norme previste per il contenimento della diffusione del virus Covid-19, previste dai decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8, 9 e 11 marzo 2020.

 

Sono 140 le persone sanzionate Ex art. 4, comma 1, D.L. 25/03/2020 n. 19, secondo i dati diffusi dalla Prefettura di Firenze, per EX ART. 650 C.P. (in ottemperanza al D.P.C.M. 8 e 9 marzo 2020), ovvero per avver contravvenuto alla misura di evitare ogni spostamento, tranne quelli per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e spostamenti per motivi di salute.

 

Meno controlli ma più sanzioni domenica: sono 2088 le persone controllate e 183 le sanzioni emesse. 

 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.