Da Scandicci a Bagno a Ripoli, dai Bandierai degli Uffizi alla Coop: tante iniziative di solidarietà

Buoni spesa per chi è in difficoltà e raccolta fondi per gli ospedali

Galleria immagini

829 Visualizzazioni

martedì 31 marzo 2020 13:58

Sono tante le belle iniziative di solidarietà in questi giorni a Firenze. Centinaia di migliaia di euro raccolti per gli ospedali del territorio e per i bisognosi.

 

Sono oltre trecentomila gli euro che Unicoop Firenze e Fondazione Il Cuore si scioglie distribuiranno nelle prossime settimane sotto forma di buoni spesa, per sostenere chi sta attraversando un periodo di difficoltà. "Si intensifica così un'attività solidale che la Cooperativa e la Fondazione portano avanti in modo costante da sempre. La risposta all'emergenza alimentare, che in questo momento di grave crisi economica dovuta all'emergenza sanitaria si fa sentire ancora di più, rientra fra gli obiettivi di Unicoop Firenze e della Fondazione Il Cuore si scioglie, che per questa attività lavorano a strettissimo contatto con le associazioni di volontariato del territorio", si legge in una nota.

 

Nel dettaglio, oltre 200.000 euro verranno messi a disposizione delle associazioni che si occupano di povertà alimentare a seguito della campagna di solidarietà Natale Insieme, che ha visto il contributo, raddoppiato dalla Fondazione Il Cuore si scioglie, di tanti soci e clienti che hanno donato dal primo al 24 dicembre. I primi buoni spesa, del valore di 20 euro, sono in distribuzione alle associazioni di volontariato già dalla prossima settimana.

Altri 100.000 vengono donati da Unicoop Firenze alle associazioni che nel 2019 hanno partecipato alle raccolte alimentari nei punti vendita della cooperativa, organizzate dalla Fondazione Il Cuore si scioglie. Anche questa erogazione arriverà sul territorio e permetterà di fare la spesa per le persone in difficoltà nelle prossime settimane.

 

C'è poi la bella e proficua raccolta fondi indetta dal Comune di Scandicci in favore dell'ospedale di Torregalli, San Giovanni di Dio: sono 911 le donazioni effettuate nei primi 12 giorni di raccolta fondi per il potenziamento della terapia intensiva dell’ospedale di San Giovanni di Dio a Torregalli, per un importo di 159.946 euro. La campagna “Io dono, tu doni, noi vinciamo” prosegue con la raccolta di nuovi contributi e l’acquisto delle forniture necessarie a potenziare il reparto di medicina d’Urgenza.

Giovedì prossimo, 2 aprile, il Dea dell’ospedale di San Giovanni di Dio riceverà le prime attrezzature acquistate con la parte iniziale dei proventi delle donazioni, ovvero un ecografo che sarà utilizzato per le diagnosi rapide e un primo ventilatore per la ventilazione sia invasiva che non invasiva. La quarta rilevazione della raccolta “Io dono, tu donai, noi vinciamo”, promossa dal Comune di Scandicci, dalle associazioni del Social Party cittadino ed attuata attraverso l’associazione La Melagrana per contribuire attivamente al contrasto dell’emergenza sanitaria Covid-19, è relativa al pomeriggio di lunedì 30 marzo 2020 (la campagna ha preso il via mercoledì 18.3).

 

La raccolta fondi va avanti, è aperta ai contributi di cittadini, associazioni e imprese, ed è finalizzata all’acquisto di attrezzature per la rianimazione dell’ospedale di San Giovanni di Dio della Ausl Toscana Centro a Torregalli; tutti possono donare tramite bonifico all’Iban IT17Z0867338080023000234372 , intestato a La Melagrana Associazione di promozione sociale Aps, causale “Emergenza Covid-19”. Il conto è stato aperto per l’occasione ed è finalizzato esclusivamente a questa raccolta fondi; i contributi saranno detraibili fiscalmente. L’acquisto delle attrezzature è effettuato per conto della Ausl Toscana Centro dalla Fondazione Santa Maria Nuova.

"L’infezione da Coronavirus determina una polmonite interstiziale che decorre in maniera anomala”, dice il direttore del Dea dell’ospedale San Giovanni di Dio a Torregalli, professor Gianfranco Giannasi, “determinando una grave insufficienza respiratoria che non risponde alle terapie usuali con antibiotici e con ventilazione non invasiva. Purtroppo questi pazienti necessitano di intubazione precoce e ricovero presso i reparti di rianimazione. Poiché la degenza è molto lunga, circa 3-4 settimane rispetto ai 5-7 giorni delle polmoniti usuali, ne consegue che il potenziamento della terapia intensiva ed il conseguente utilizzo di ventilatori sono uno step necessario per affrontare l’emergenza Coronavirus. Ecco perché in questo momento abbiamo bisogno di tanti ventilatori, perché in questa patologia sono salvavita. È l’unica arma che veramente ci aiuta a combattere la pandemia in corso”.

 

Anche Lastra a Signa si è mobilitata nella raccolta fondi per Torregalli. Una settimana fa il Comune di Lastra a Signa ha lanciato una campagna di raccolta fondi a favore dell’Ospedale di San Giovanni di Dio, presidio sanitario di riferimento per il territorio. A distanza di sette giorni i fondi raccolti grazie alle donazioni dei cittadini sono 7.940,00 euro. Con parte dei primi soldi raccolti sono già stati acquistati 600 camici per la protezione del personale sanitario in forza nel reparto Covid-19 dell’Ospedale.

“Ancora l’emergenza non è finita – ha spiegato il sindaco Angela Bagni- serve tutta la solidarietà della nostra comunità per sostenere chi ogni giorno è in prima linea. Continuiamo a donare e continuiamo ad aiutare medici, infermieri e tutto il personale ospedaliero”. Ricordiamo che per donare occorre fare un bonifico all’IBAN IT18P0832537922000000061152 intestato a Fondazione Misericordia di Lastra a Signa causale “Emergenza Covid-19”. Tutti i soldi raccolti andranno interamente a favore dell’acquisto di apparecchiature e ausili sanitari utili per fronteggiare l’emergenza epidemiologica in corso.

 

Anche a Bagno a Ripoli tanti cittadini stanno donando soldi per l'ospedale di Ponte a Niccheri: "Oltre 100mila euro donati all’Ospedale Santa Maria Annunziata per fronteggiare l’emergenza Coronavirus", scrive su Facebook il sindaco Francesco Casini. "Ad oggi sono centinaia le donazioni effettuate alla Onlus dell'OSMA da parte di singoli cittadini, associazioni e aziende del nostro territorio che hanno permesso l’acquisto di respiratori, termoscanner, tute protettive e molto altro.

In questo periodo così difficile per tutti, la nostra comunità si riscopre più unita che mai. Ogni euro donato è un modo per essere accanto ai medici, agli infermieri e a tutti gli operatori dell'ospedale impegnati in un'emergenza senza precedenti, significa fornire loro le armi necessarie per combattere questo nemico così ostile e terribile.

Oltre a donare, e anche se da lontano, possiamo fare molto per aiutarli a prendersi cura di tutti noi: seguendo le regole, rimanendo a casa il più possibile, limitando al minimo le occasioni di contagio. Grazie di cuore quindi a tutti coloro che hanno dato un contributo di generosità per l'OSMA, a chi ancora vorrà continuare a donare, e a tutti coloro che supporteranno questa battaglia con il loro senso di responsabilità".

Si può donare tramite bonifico bancario (intestato a “Santa Maria Annunziata Onlus - Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve” - IBAN: IT92Y0873602801000000603338 - Causale: Donazione per acquisto mascherine e altre necessità Emergenza Covid 19 e altre necessità ospedale) oppure tramite PayPal (QUI).

 

Un vero e proprio moto di solidarietà a favore dell’Ospedale San Giuseppe da parte di cittadini, associazioni di volontariato  e aziende del territorio empolese valdelsa e valdarno inferiore.  Fin dai primi giorni di emergenza sanitaria sono state numerose le iniziative di raccolta fondi che hanno permesso di acquistare dispositivi di protezione individuale e attrezzature mediche essenziali per potenziare i servizi nei reparti Covid.

Con oltre 250.000 euro già raccolti dalla Misericordia di Empoli, grazie alla solidarietà di molti, sono stati già acquistati 9 ventilatori polmonari per il reparto di terapia intensiva, 5 per la sub intensiva e 2 videolaringoscopi per intubare i pazienti. In arrivo anche 3 ecografi per i reparti di pronto soccorso, di terapia intensiva e medicina.

 

In piena emergenza Coronavirus anche gli appassionati dello sport empolese hanno mostrato di avere un cuore grande. L’Unione Clubs Azzurri ha infatti donato all’Ospedale 50 tute bianche, 50 tute verdi e 30 visiere in policarbonato e 700 mascherine FFP2.

Ma la generosità in questi giorni è stata dimostrata anche in altre forme, regalando un momento dolce agli operatori sanitari. Tre pasticcerie del territorio (una di Stabbia e due di San Miniato) nei giorni scorsi, per 4 mattine, hanno offerto la colazione agli operatori sanitari con vassoi ricchi di cornetti e pasticcini.

 

La Fiorentina, dopo la corposa donazione di Rocco Commisso e della sua famiglia da 250 mila euro, ha superato quota 743 mila euro raccolti da destinare agli ospedali fiorentini (Qui per donare).

 

Mentre anche i Bandierai degli Uffizi, in questo momento di crisi senza precedenti, hanno deciso di organizzare una raccolta fondi, il cui ricavato andrà a favore delle strutture ospedaliere cittadine che si stanno occupando di questa emergenza sanitaria.
 Il ricavato servirà' ad acquistare sia attrezzature che dispositivi di protezione individuale.


"All'interno del nostro gruppo ci sono persone di tutte le età, dalle piccole zanzare, agli old... ed alcuni di noi lavorano instancabilmente in questo periodo, all'interno delle strutture ospedaliere fiorentine", scrive Gian Luca Pasquini del Gruppo Bandierai degli Uffizi. 

"Abbiamo scelto la piattaforma di GoFundMe.com per la sua serietà ed affidabilità ed i questo senso, il nostro Capitano Antonio Marrone, ha prestato il suo nome per creare la raccolta fondi" (Qui il link per aderire e donare).

 

A Prato il dottor Giuseppe Di Guida della Emmegi Group ha offerto la sanificazione ambientale preventiva dei locali della Protezione Civile e della Polizia Municipale: nella serata di venerdì 27 la ditta ha proceduto alla sanificazione dei locali di via Lazzerini 58, mentre oggi, martedì 31 marzo, l'intervento sarà effettuato presso il comando di Piazza Macelli. Si tratta di due interventi gratuiti di sanificazione ambientale preventiva, effettuati unicamente per motivi cautelativi, senza che vi sia obbligo, in quanto  non vi è stato alcun caso di positività al Covid-19 nelle due sedi in questione.

"Vogliamo ringraziare la Emmegi Group per questo bel gesto - sottolineano il sindaco Biffoni e l'assessore Leoni -. Sia la sede della Protezione civile e ancor più quella della Polizia Municipale sono luoghi in questo momento attivi e frequentati, quindi questa sanificazione preventiva è un'attenzione forte verso servizi della città in prima linea nella gestione dell'emergenza".

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.