Firenze, alla Manifattura Tabacchi la rassegna di cinema 'Paysage vivant, paysage vibrant'

Protagonisti sette cortometraggi dell’archivio Light Cone di Parigi

Galleria immagini

517 Visualizzazioni

venerdì 10 gennaio 2020 16:26

La Manifattura Tabacchi diventa un cinema per una sera. 

 

Sabato 11 gennaio, l’edificio B8 di via delle Cascine 35 farà spazio alla rassegna Paysage vivant, paysage vibrant con la proiezione di sette cortometraggi di cinema sperimentale, provenienti dall’archivio Light Cone di Parigi e legati da un filo comune: il racconto del paesaggio.

 

L’evento sarà presentato e introdotto da Emmanuel Lefrant, Direttore di Light Cone, video artist e autore di alcune delle pellicole in mostra.

 

Light Cone è un’associazione no profit di Parigi il cui obiettivo è la distribuzione e la salvaguardia del cinema sperimentale, del quale si impegna ad assicurare la promozione in Francia e nel mondo. 

 

Programma della rassegna

 

ASLEEP di Paulo ABREU 

2012 / Digital file on server / color-b&w / sound / 25 ips / 12' 20

Asleep è un documentario sperimentale e poetico, girato in Super 8, sul vulcano di Capelinhos situato sull’isola Faia, tra le Azzorre. Mostra anche le immagini delle eruzioni successive del 1957 e del 1958. 

 

CHINA NOT CHINA di Richard TUOHY 

2018 / 16mm / color / sound / 24 ips / 14' 10

Hong Kong ha appena celebrato il ventesimo anniversario della propria retrocessione alla Cina, a metà strada del periodo di transizione previsto di 40 anni “un Paese, due sistemi”. Taiwan, un tempo parte della Cina imperiale, poi di Formosa, oggi sull’orlo della Repubblica Popolare della Cina. Le molteplici sovrapposizioni di scene di strada nel film derformano lo spazio e il luogo, creando un sentimento fluido di impermanenza e di transizione, una transizione tra due stati da qualche parte tra la Cina e la non Cina. 

 

HAND HELD DAY di Gary BEYDLER 

1974 / 16mm / color / silent / 24 ips / 6' 00

Questo film è stato realizzato con l’impiego del “time-lapse”, in un’unica ripresa su una strada dell’Arizona, dall’alba al crepuscolo per 14 ore. Trovandosi di fronte all’ovest, Beydler teneva nella sua mano destra un piccolo specchio, incorniciato dalla camera dal lato est. Un contatore controllava la camera, innescando un’esposizione ogni sei secondi. Ha smesso di girare a causa dell’oscurità.

 

I DON'T THINK I CAN SEE AN ISLAND di Christopher BECKS & Emmanuel LEFRANT 

2016 / Digital file on server / color / sound / 25 ips / 4' 10

Un film di avventure non euclidee e simbolicamente autentiche. 


PARTIES VISIBLE ET INVISIBLE D'UN ENSEMBLE SOUS TENSION di Emmanuel LEFRANT 

2009 / 16mm / color / sound / 24 ips / 7' 00

Africa, 2003: meccanismi della memoria e del ricordo.

Ho filmato un paesaggio selvaggio e simultaneamente interrato un nastro di film nel luogo stesso dove questo piano è stato girato; l’emulsione, vittima dell’erosione, è così soggetta a una degradazione biochimica. Il risultato di questo processo naturale di degradazione è così conservato sulla pellicola nel suo stato di dissoluzione. Queste due immagini, e le loro versioni negative, sono di seguito allacciate mediante le tecniche bi-pack e di sovrapposizione. 

Questi paesaggi in fusione sono la logica di un mondo che si rivela. Un mondo bipolare, dove l’invisibile prende corpo nello stesso momento del visibile, dove l’uno si dissolve nell’altro e viceversa. 

 

LE PAYS DÉVASTÉ di Emmanuel LEFRANT 

2015 / Digital file on server / color / sound / 24 ips / 11' 30

- Cosa vedi? – Una distesa poco favorevole all’uomo, Le Pays Dévasté si riferisce all’Antropocene, l’epoca geologica attuale, vista come il periodo a partire dal quale la specie umana è divenuta la forza geofisica dominante davanti a tutte le forze naturali che fino a quel momento avevano prevalso. Le tracce della nostra era urbana, consumerista, chimica e nucleare resteranno migliaia, anzi milioni di anni negli archivi geologici del pianeta e sottoporranno le società umane a delle difficoltà considerevoli. 

 

SET di Peter MILLER 

2016 / 16mm / color / silent / 24 ips / 10' 00

Per questo film ho scaricato delle foto di tramonti, le ho aggiustate e inserite ciascuna in un ordine preciso, creando così un tramonto singolare, colossale e collettivo. 

 

Durata totale della rassegna: 1h e 5 minuti. 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.