Firenze, al via un nuovo anno accademico al Conservatorio Cherubini

spettacoli
15/10/2019

Il Conservatorio Cherubini illustra i suoi progetti per l'anno accademico 2019/2020

Il Conservatorio Cherubini si presenta in vista dell'anno accademico 2019/2020.

 

Tra le novità, il Conservatorio Cherubini si propone come partner di una nuova e importante sinergia con i Conservatori di Lucca, Livorno e Siena  supportata dalla Regione Toscana, rilancia la sua didattica includendo nella sua offerta formativa percorsi personalizzati per studenti con DSA, si impegna nella tutela e nel restauro di strumenti musicali grazie al sostegno della Fondazione CR Firenze, porta avanti le numerose collaborazioni con molte importanti istituzioni fiorentine al fine di valorizzare i suoi allievi nelle produzioni concertistiche. 

 

Oltre al Cherubini, nella Regione Toscana sono presenti altri tre Conservatori: Il “Luigi Boccherini” di Lucca, il “Pietro Mascagni” di Livorno e il “Rinaldo Franci” di Siena. Questa Federazione tra i quattro Conservatori si articolerà su di un processo di condivisione di Progetti di produzione ma anche di programmazione artistica e servizi di gestione delle istituzioni, con una ricaduta positiva in termini di miglioramento dei servizi offerti a livello regionale.

 

Un'esperienza che ha già portato alla creazione di una Orchestra Toscana dei Conservatori. Tra le varie proposte che saranno attuate fra il 2019 e il 2021: un punto unico di contatto per la promozione e l'orientamento per l'Alta Formazione Musicale in Toscana; un’anagrafe regionale dello studente; un’offerta didattica con tempistiche di funzionamento comune per i corsi presso le varie istituzioni.

 

Mantenendo gli standard degli ultimi anni per quanto riguarda le domande di ammissione (ben 572 per questo anno accademico, di cui 225 provenienti da studenti stranieri), il Conservatorio Cherubini promuove l’inclusione degli studenti con DSA (disturbi specifici dell'apprendimento) nei percorsi dell’Alta Formazione Musicale, per garantire anche a questi particolari studenti pari opportunità e una formazione professionale adeguata.

 

Fino dalle sue origini, il Conservatorio Cherubini si è trovato a custodire un gran numero di strumenti musicali di enorme valore sia storico che prettamente connesso alle altissime qualità sonore. Il suo primo Presidente Luigi F. Casamorata ereditò la grande e prestigiosa raccolta di strumenti proveniente dalla collezione di Ferdinando dei Medici, collezione va ricordato, custodita dal 1716 da Bartolomeo Cristofori (costruttore e inventore del Pianoforte).

 

Nell'ottica di preservare questo grande patrimonio e renderlo fruibile, proseguendo nel percorso intrapreso negli ultimi anni, ne promuove il restauro grazie all’ importante contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. 

 

Recentemente sono stati restaurati due importanti pianoforti: il “Simon” appartenuto a Teodulo Mabellini, e il prestigioso e imponente Boesendorfer gran coda discendente, adesso collocato nella sala dei Giochi presso la sede di Villa Favard. Il pianoforte Simon, presente adesso nell’ ufficio di Direzione del Conservatorio, verrà ufficialmente inaugurato sabato 26 ottobre (ore 17) con un concerto dedicato alle musiche di Ludwig Van Beethoven.

 

Si rinnova, con i concerti cameristici del martedì pomeriggio presso il teatro di palazzo Lenzi di Piazza Ognissanti, la collaborazione del Cherubini con l'Istituto Francese. La rassegna, intitolata “I martedì del Cherubini” (programma completo disponibile sui siti delle due istituzioni – inizio concerti ore 17) porta in scena i più validi solisti ed ensemble del Cherubini. Prossimo appuntamento martedì 15 ottobre, sul palco Ruggiero Fiorella che eseguirà al pianoforte musiche di Ludwig van Beethoven e Frédéric Chopin.  

 

Sabato 19 ottobre spazio all'Orchestra dei giovanissimi che si esibirà alle 17 presso la “Sala dei Giochi” di Villa Favard, mentre dal  23 al 26 ottobre presso la sede centrale del Conservatorio torna il Premio Nazionale delle Arti, che quest'anno proporrà  un’occasione di incontro e di studio intorno al mondo del pianoforte e della cultura pianistica. 

 

La commissione giudicatrice, presieduta da Massimiliano Damerini, sarà formata da autorevolissime personalità, quali Bruno Canino,Fausto Di Cesare, Riccardo Risaliti, Daniel Rivera. In tale occasione il Cherubini conferirà il “Premio alla Carriera” a Maria Tipo, che torna dunque nel suo Conservatorio a raccogliere l’applauso di una vita interamente spesa all’interpretazione pianistica e alla didattica. 

 

Martedì 29 ottobre, sempre presso la Sala del Buonumore Pietro Grossi, è in programma il concerto dell'Ensemble dei Clarinetti dell'Arma dei Carabinieri diretta dal Colonello Massimo Martinelli (ore 16:00). Prosegue inoltre  la rassegna “Il Cherubini a Casa Martelli”, che si svolge il primo giovedì di ogni mese alle ore 17. Il ciclo di concerti continuerà anche nel 2020 con programmi interamente dedicati alle sonate per pianoforte di L. Van Beethoven, in occasione dei 250 anni dalla nascita. 

 

Anche quest'anno il Conservatorio Cherubini, insieme a Scuola di Musica di Fiesole, Maggio Musicale Fiorentino e Orchestra della Toscana è parte del comitato artistico di Strings City, festival diffuso del Comune di Firenze dedicato alla musica a corde che si terrà nel mese di dicembre. 

 

Chiude il programma l'ultimo appuntamento di quest'anno con “Vetrina di Libri”, il ciclo di presentazioni con interventi musicali di docenti e studenti. Giovedì 12 dicembre presso la Sala del Buonumore Pietro Grossi (ore 17) la presentazione del libro Sibelius e l’Italia, a cura di Annalisa Bini, Flavio Colusso e Ferruccio Tammaro (Accademia Nazionale di S.Cecilia, Roma 2019). 



 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.