Vis Art

Firenze, dal museo dell’Italiano al social housing: il futuro del complesso di Santa Maria Novella

Nardella: 'Un grande investimento pubblico, a gennaio le prima aperture'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 22 novembre 2023 09:25

Dal museo dell'italiano al social housing, il complesso di Santa Maria Novella è al centro di un processo di trasformazione che nella volontà di Palazzo Vecchio lo porterà ad essere un grande spazio polivalente per la città. 

 

Tra le principali funzioni del complesso, che ospiterà il museo nazionale dell’Italiano Mundi, ci sono l’ampliamento dell’attuale museo civico e la nuova sala di accoglienza per la città, una nuova biblioteca civica, nuovi spazi per il social housing, la piazza Mediterranea, il presidio di sicurezza dei Carabinieri.

 

Il sindaco Dario Nardella oggi ha presentato l’avanzamento dei lavori insieme al presidente della Regione Eugenio Giani, alle assessore alla casa Benedetta Albanese e ai lavori pubblici e università Titta Meucci oltre agli altri partner del progetto. “Santa Maria Novella - dichiara il sindaco - diventerà il più grande hub socio culturale di Firenze, con un investimento pubblico complessivo pari a 37 milioni di euro. I prossimi step sono la fine dei lavori del Mundi, entro l’anno, poi a gennaio presenteremo i nuovi depositi visitabili che conterranno tutte le opere di proprietà del Comune, ed è la prima volta nella storia che lo facciamo, mentre tra febbraio e marzo inizieranno i lavori per il social housing che si affacciano su via della Scala. Seguiranno i lavori per la caffetteria, la biblioteca del quartiere e tutta la parte di accoglienza e informazioni turistiche. Entro 2025 saranno ultimati anche il progetto di Galileo Lab e il museo e archivio Alinari”.

 

“Abbiamo voluto - continua - che Santa Maria Novella non fosse solo un polo turistico ma anche sociale: vanno in questa direzione la nuova biblioteca di quartiere, la nuova piazza pubblica e gli appartamenti di social housing a canone calmierato. E’ anche questo un modo per tentare di preservare la residenza nel centro storico”.

 

Il Complesso Monumentale di Santa Maria Novella è una realtà museale con una media di oltre 400.000 visitatori all'anno: per una superficie complessiva di mq 30.000, risulta costituito dalla Basilica, dal Convento, risalenti al XIII secolo, inclusi nel Sistema dei Musei Civici Fiorentini e della porzione seicentesca del Monastero Nuovo, occupato fino al 2018 dalla scuola sottufficiali dell’Arma dei carabinieri.

 

Dal 2012, ovvero dall’accordo di valorizzazione tra il Comune di Firenze e il Fondo edifici di culto, i primi due contesti monumentali sono fruibili in un percorso di visita. Dal 2017 il Chiostro Grande, il Dormitorio settentrionale e la Cappella del Papa sono stati definitivamente inclusi nel percorso di visita del complesso monumentale, con l’ampliamento della superficie fruibile dagli originali 6000 metri quadrati agli attuali 12.500. Negli anni si sono susseguiti vari interventi e progetti di ampliamento e riqualificazione, tra i quali spiccano il protocollo con l’Arma dei carabinieri (settembre 2020) che sancisce l'utilizzo ad uso civico di alcuni spazi dei militari e il progetto del Mundi (dicembre 2020) che avrà uno sviluppo di 2000 metri quadrati e un impegno finanziario di 5 milioni e mezzo di euro. 

 

Le nuova configurazione funzionale approvata dalla giunta nel 2021 ha previsto il presidio di sicurezza dell’Arma, il Mundi, l’ampliamento ulteriore del museo civico di Santa Maria Novella (8000 metri quadrati compreso gli spazi esterni), 4000 metri quadrati di housing sociale, e vari servizi come una nuova biblioteca civica. Prevista anche l’accoglienza dell’archivio Alinari e nuovi spazi culturali per la Farmacia Santa Maria Novella. Nel 2022 si aggiungono nuovi tasselli: il progetto Mediterranea ovvero la grande piazza pubblica negli spazi aperti del Mundi. Il Mundi inoltre vede la prima apertura in anteprima di due sale mentre proseguono poi i lavori interni.

 

Tra gli altri interventi in corso l’arrivo della fototeca comunale e dell’archivio del vecchio museo Firenze com’era, che sarà trasferito dalla biblioteca delle Oblate; il progetto dei depositi museali visitabili che raccoglieranno e renderanno fruibili tutte le opere di proprietà civica che saranno trasferite dai vari depositi cittadini, la nuova sala di accoglienza turistico-museale che ospiterà il nuovo infopoint di piazza Stazione; Galileo lab ovvero nuovi spazi per il museo Galileo; Santa Maria Novella ospiterà anche un nucleo pensato per l’accoglienza  di eventi e di ospiti istituzionali.

 

Il progetto più consistente è il Mundi (5,5 milioni di euro) che vedrà la fine delle opere architettoniche entro il 2023. L’ampliamento del museo e i depositi museali visitabili sfiorano i quattro milioni di euro e anche questi saranno terminati entro dicembre 2023. Il presidio di Carabinieri, la fototeca e la nuova facciata su via della Scala sono ultimati. Per le ulteriori funzioni culturali previste nel masterplan, dalla Biblioteca Civica, la nuova piazza pubblica interna dedicata al Mediterraneo fino all’accoglienza istituzionale, è stata inserita una specifica previsione nel Pon Metro Plus per 6 milioni di euro mentre al social housing sono dedicati due tranche delle monetizzazioni urbanistiche delle trasformazioni in corso in città per circa 1,7 milioni di euro che consentiranno l’avvio dei primi interventi a partire dal febbraio-marzo 2024.

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.