Vis Art

Consultori, la Toscana vuole potenziarli. Al via il percorso di partecipazione

Bezzini: 'Li vogliamo riorganizzare, integrare con la rete ospedaliera, garantire la presenza di personale non obiettore riguardo le interruzioni di gravidanza volontarie'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 09 marzo 2023 17:52

È partito dall’auditorium di Santa Apollonia a Firenze, stamani, il percorso di partecipazione sulla riorganizzazione dei servizi dei consultori: 152 al momento in Toscana.

 

La legge regionale che li istituiva è del 1977: un modello a suo tempo altamente innovativo. L’intenzione ora della giunta regionale è quella di dare ulteriore impulso ed efficacia a queste attività, che ben si legano all’architettura di una nuova sanità pubblica, quale quella disegnata dal Dm77 e che sarà nei prossimi anni, con servizi diffusi sul territorio, sempre più vicina al cittadino. Potenziare dunque i consultori, valorizzarne il ruolo per la salute delle donne, dei bambini e delle famiglie, incidere sulla loro organizzazione, farli ancor meglio operare in rete ed aggiornarne le attività. 

 

Allo studio c'è infatti una delibera regionale che l’assessore e la giunta intendono sottoporre nei contenuti al confronto con addetti ai lavori ed amministratori. 

 

“I consultori hanno una funzione importante nella tutela e promozione della salute della donna e dei giovani, e nell’integrazione socio culturale di persone provenienti da contesti di fragilità - commenta il presidente della Toscana, Eugenio Giani - Confermiamo dunque la scelta fatta anni fa, ma intendiamo ancora andare oltre, per sviluppare ulteriormente la capacità di queste strutture di  essere un luogo di prevenzione, assistenza ed educazione sui progetti di vita, sempre più connesso con il territorio e le persone”.

 

“Vogliamo investire importanti risorse sui consultori e rispondere così ai bisogni di nuovi segmenti di cittadinanza: donne, giovani e famiglie che provengono da Paesi con forte pressione migratoria” sottolinea l’assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini. “Li vogliamo dunque riorganizzare, integrare con la rete dei servizi ospedalieri, garantire la presenza di personale non obiettore riguardo le interruzioni di gravidanza volontarie, offrire mediazione culturale e dunque accesso alle informazioni per i migranti, potenziare telemedicina e teleconsulti ed ancora rivolgerci ai giovani con una specifica attività di prevenzione”.

 

Nella riorganizzazione dei servizi una particolare attenzione sarà infatti riservata ai giovani, facendo di alcuni consultori luoghi dedicati ai ragazzi, con programmi di informazione, prevenzione e promozione della salute a partire dalla sfera sessuale e riproduttiva o riguardo i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione. Negli indirizzi c’è anche il miglioramento dei percorsi di accesso all’interruzione di gravidanza volontaria – chirurgica e farmacologica (quest’ultima attiva in Toscana dal 2020) -, l’accesso gratuito alla contraccezione già confermato da una delibera dello scorso gennaio che ha stanziato 350 mila euro l’anno, la promozione di una sessualità consapevole e di una procreazione responsabile e pacchetti salute con un insieme di prestazioni gratuite e organizzate per essere fruite insieme, in modo da prevenire specifiche patologie e più in generale promuovere corretti stili di vita. 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.