Terremoto, riunione di coordinamento sui piani di protezione civile

Posta l’attenzione sulle aree destinate in caso di necessità ad accogliere persone e materiali

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 13 maggio 2022 16:55

All'indomani della scossa di magnitudo 3.7 registrata alle 23.12 di ieri sera, giovedì 12 maggio 2022, si è svolto un incontro presso i locali della Sala Operativa Integrata di Protezione Civile della Città Metropolitana e della Prefettura di Firenze, in via dell’Olmatello, per procedere ad una ricognizione e conseguente verifica dei Piani di prevenzione comunali e  intercomunali di Protezione Civile con un focus specifico al rischio sismico, anche in considerazione dei fenomeni in corso nell’area del Chianti Fiorentino. In 10 giorni, ovvero dal 2 maggio, sono state quasi 200 le scosse di terremoto nell'area. 

 

Alla riunione, presieduta dal prefetto Valerio Valenti, hanno partecipato i rappresentanti della Protezione Civile Regionale e della Città Metropolitana, dei Comuni di Bagno a Ripoli, Barberino Tavernelle, Firenze, Greve in Chianti, Impruneta e San Casciano V.P., della Questura, del Comando Provinciale dei Carabinieri, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, del Compartimento della Polizia Stradale Toscana, della Sezione della Polizia Stradale di Firenze, dell’VIII Reparto volo della Polizia di Stato, dell’ANAS, del 118 e dell’USL Toscana Centro – maxi emergenze.

                         

Nel corso dell’incontro, fa sapere la Prefettura, è stata ribadita l’importanza di un coordinamento unitario delle attività svolte sui territori e, in particolare, è stata posta l’attenzione sulle aree destinate in caso di necessità ad accogliere persone e materiali, alla situazione di viabilità, alla presenza di strutture pubbliche e private collettive (scuole, ospedali, RSA ...), alla piena operatività dei sistemi di allertamento e di risposta alle richieste dei cittadini, alla disponibilità di mezzi di intervento e alla opportunità che gli strumenti di comunicazione, come ad esempio l’applicazione “Cittadino informato”, vengano più ampiamente portate a conoscenza dei cittadini, al fine di stimolare la piena consapevolezza delle misure da adottare in caso di emergenza.

 

Il Sindaco del Comune e della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella in giornata aveva fatto il punto della situazione con i responsabili della Protezione civile metropolitana Leonardo Ermini e comunale e con il Comandante dei Vigili del Fuoco Gennaro Tornatore. Dai sopralluoghi effettuati, spiega Nardella, non sono risultati danni a persone e cose in tutto il territorio metropolitano. Sono in corso verifiche su due segnalazioni di crepe.


Tanta la paura, come dimostrano i dati della centrale 112, che ha ricevuto 220 chiamate in 10 minuti, 350 in totale dopo 40 minuti. La scossa è stata sentita distintamente perché non è avvenuta in profondità.
 

 

LEGGI ANCHE:

Trema la terra nel fiorentino, 200 scosse in 10 giorni. Sindaco Impruneta: 'Lo stress si fa sentire'

Trema ancora la terra: un'altra forte scossa nel fiorentino

Terremoto, scossa vicino Firenze: magnitudo 3.7. La protezione civile: 'Nessun danno'. In serata nuova scossa

Terremoto, non si ferma lo sciame. Protezione civile: 'Territorio metropolitano a rischio sismico'

Terremoto nel fiorentino, Ingv: ‘La pericolosità sismica dell’area è media’

Terremoto, Ingegneri Firenze: 'Eventi imprevisti, prevenzione unico modo

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.