Prato, incollava biglietti intimidatori sui vetri delle auto in sosta irregolare: denunciato

L'uomo, un pratese di 41 anni, è stato fermato dopo numerose denunce

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 11 maggio 2022 16:22

Biglietti intimidatori sui finestrini delle auto in sosta irregolare. E' stato fermato ieri dagli agenti del Reparto Territoriale della Polizia Municipale di Prato un quarantunenne pratese che, soprattutto in zona via Torelli, via Pisano e via Ferrucci, dal 2020 apponeva con una colla speciale e un raschietto i biglietti sui finestrini delle auto.

 

L'uomo, ormai da tempo, come si legge in una nota del comune di Prato, attaccava i biglietti sulle auto in sosta in maniera da renderne difficoltosa la rimozione e, in certi casi, danneggiando i motori alza vetro delle macchine per danni di centinaia di euro.

 

Il Comando di Polizia Municipale, a seguito di numerose segnalazione e denunce, ha fatto partire le indagini e ha attivato un servizio specifico di osservazione e controllo, sino a cogliere ieri mattina in flagranza l'uomo nel pieno della sua attività.

 

Gli agenti hanno trovato in possesso dell'uomo oltre 60 biglietti, tutti scritti a mano e con offese nei confronti del conducente, diversi tra loro in base al tipo di infrazione: dal divieto di sosta sino ad arrivare all'occupazione dello stallo per i disabili.

 

Tante le vittime ancora da identificare, molte delle quali non hanno sporto denuncia all'autorità. Il Comando di piazza Macelli invita chiunque è rimasto vittima dell'attività dell'uomo, e che può dimostrarlo, a presentare denuncia. L'uomo è stato denunciato per il reato di deturpamento e imbrattamento di cose altrui e gli sono state sequestrati colla, raschietto e i numerosi biglietti pronti all'uso per tipologia di infrazione.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.