Coronavirus, Commisso non può tornare a Firenze: 'Seguirò costantemente la squadra dagli USA'

Il presidente della Fiorentina doveva tornare nei prossimi giorni in Italia

Galleria immagini

310 Visualizzazioni

venerdì 26 giugno 2020 19:22

Niente ritorno in Italia nei prossimi giorni per Rocco Commisso.

 

Il presidente della Fiorentina, che aveva in programma un rientro a Firenze tra fine giugno e inizio luglio, non riuscirà ad essere di persona vicino alla squadra e ai dirigenti. Come comunica la società viola, a causa delle restrizioni legislative, sia per l’arrivo in Italia che per il successivo ritorno negli USA, attualmente in vigore, Rocco Commisso non riuscirà a raggiungere Firenze nei prossimi giorni come aveva in precedenza programmato.


Rocco Commisso, tramite il sito ufficiale viola, ha fatto comunque sentire la propria vicinanza alla squadra ed a tutta la Famiglia Viola: "Purtroppo viste le attuali problematiche relative al Coronavirus, che in tutto il mondo continua ancora a mietere ogni giorno nuove vittime, non potrò raggiungere Firenze come era nei miei programmi e nei miei desideri. Sono accanto con tutto il mio cuore alla squadra ed ai nostri tifosi. Continuerò a sostenere i nostri ragazzi senza potere, purtroppo, farlo da vicino in questo finale di stagione molto particolare, ma l'attuale situazione non mi permette di fare altrimenti. Come sempre seguirò costantemente la nostra squadra dall'America sperando di poter tornare il più presto possibile ad abbracciare tutti”.


In attesa dell’evolversi della situazione Rocco Commisso continuerà a rimanere costantemente in contatto con Società, collaboratori e Istituzioni via telefono e in videoconference, nella speranza che la situazione possa sbloccarsi, conclude la società viola in un comunicato.

 

(immagine di repertorio)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.