Coronavirus e animali. Le risposte delle veterinarie

Gli animali possono trasmettere il virus? Come igienizzarli?

Galleria immagini

2621 Visualizzazioni

martedì 31 marzo 2020 18:25

Le fake news, lo stare in casa, le forti emozioni di questo periodo, possono influire nel rapporto con i nostri animali domestici. Molto spesso in modo negativo: sono saliti i casi di abbandoni degli animali e i casi di bruciature alle zampe dovute alla candeggina. Come comportarci con i nostri amici a 4 zampe? 

 

Lo abbiamo chiesto a Giulia Droghetti, medico veterinario e Alessia Gargani, medico veterinaria esperta di comportamento. 

 

Iniziamo dalla domanda più scottante. I nostri animali domestici possono trasmettere il Covid 19?

 

"No" risponde prontamente Giulia in modo deciso. Cane e gatto possono essere colpiti da alcune forme di coronavirus, ma non dal COVID 19. Pertanto noi non possiamo contagiare loro e loro non possono contagiare noi.

 

Un cane e un gatto sono risultati positivi in altri paesi, ma si tratta di una " contaminazione ambientale, non di un contagio vero e proprio. Il virus li ha contaminati solo come appoggio, quasi fossero un tavolo" ci spiega Alessia. Gli animali non possono trasmetterci il virus e non devono essere abbandonati. 

 

Dobbiamo igienizzare i nostri animali domestici?

Il problema riguarda soprattutto i cani e i gatti di città. "Passeggiando con il mio cane mi sono resa conto della possibilità che l'animale entri in contatto con sputi per terra, mascherine e guanti usati" ci ha detto Giulia. Come pulirli? "Non occorre la candeggina. Basta il comune sapone di marsiglia disciolto nell'acqua o un poco di aceto di mele." continua Giulia. "Il virus è coperto da un involucro proteico debole, basta il sapone per spezzarlo" conferma Alessia. 

 

Per igienizzare le zampe dei nostri animali domestici che hanno accesso all'esterno di casa, dunque, basta del comune sapone e un po' di acqua. Occorre lavare il sotto della zampa, i polpastrelli e fra le dita. E poi asciugare bene. La candeggina, soprattutto pura, non è solo sconsigliata. E' dannosa. Per chi non vuole ogni volta lavare e asciugare le zampette ci sono delle salviette usa e getta apposite nei negozi di animali.

 

Come il nostro stare in casa può condizionare e modificare il comportamento degli animali?

"Sicuramente è una questione che ha i suoi pro e i suoi contro. Ad esempio molti animali saranno felicissimi di avere sempre disponibile il padrone e le sue attenzioni" ci dice Alessia con un grande sorriso. 

I problemi, però, possono sorgere sia nei casi sia nei gatti.  "Molti cani possono soffrire la mancanza di un appropriato movimento fisico, dato che le passeggiate sono limitate alle vicinanze delle abitazioni. Alcune razze da lavoro o i cani molto giovani hanno bisogno di un importante parte motoria nella loro quotidianità" ci spiega Alessia. 

 

Cosa fare dunque? Si può fare qualche gioco interattivo con l'animale, giochi d'intelligenza anche fai da te che si possono trovare su internet. "Non tutti gli animali però hanno voglia e le capacità cognitive per farlo. Occorre sempre non esagerare" redarguisce l'esperta del comportamento. Dunque non va forzato l'animale se si vede che questi tipi di giochi non riscuotono la sua attenzione.  "I gatti sono molto abitudinari e possono soffrire maggiormente questi cambi di routine, fino a sviluppare – nei casi più gravi – una cistite da stress" avverte Alessia. 

 

Lo stress è sempre da evitare per l'animale. "E' oramai dimostrato che il nostro umore influenza quello del nostro animale. Non scarichiamo su di loro le nostre energie negative. Se siamo particolarmente tristi o arrabbiati non  prendiamo l'animale, ma cerchiamo un altro modo per migliorare il nostro umore" consiglia Alessia. 

 

Ma come sapere se un animale sta soffrendo?

"Ciascuno conosce il proprio animale. Dobbiamo stare attenti a notare  un cambiamento nelle abitudini, anche quelle più grossolane: se l'animale mangia, se gioca , se  non ha voglia di uscire, se non vuole la pettorina. Alcuni potrebbero rifiutare le interazioni con i bambini, o leccarsi  più insistentemente alcune parti del corpo. Potrebbero anche aumentare le paure degli animal" continua l'esperta del comportamento. 

 

E, se notiamo qualcosa, il consiglio è quello di rivolgersi ai veterinari che sono aperti e si sono attrezzati per operare in sicurezza.  "Riceviamo su appuntamento e stiamo lentamente riprendendo a fare la profilassi, dato che ci stiamo avvicinando alla stagione delle malattie infettive. " ci spiega Giulia.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.