Firenze, al Niccolini Filippo Timi debutta con Skianto

Spettacoli
12/01/2020

Un monologo amaro, ironico e poetico, sulla disabilità

Al Teatro Niccoli di Firenze arriva Filippo Timi.

 

Timi sarà in scena con lo spettacolo Skiantoda martedì 14 a domenica 19 gennaio, a metà fra racconto autobiografico e sogno visionario.

 

È una favola amara, un monologo spiazzante che mescola rabbia e dolore a un’esilarante ironia pop. Insieme a lui Salvatore Langella alla chitarra.

 

“Skianto è la bocca murata – spiega Timi – è il racconto di un ragazzo disabile che ha il cancello sbarrato. Io spalanco quella bocca in un urlo di Munch. Gli esseri umani sono disabili alla vita. E siamo tutti un po’ storti se ci confrontiamo alla grandezza della Natura. Esiste una disabilità non conclamata che è l’isolamento, l’incapacità di fare uscire le voci”.

 

L'attore umbro narra nel suo dialetto d’origine la storia di un bambino diversamente abile, dalla “scatola cranica sigillata”, impossibilitato a parlare e a muoversi. Il materiale da cui attinge è autobiografico (il riferimento è alla cugina, cerebrolesa).

 

La produzione è del Teatro Franco Parenti.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.