Vis Art

All'Antico Vinaio, lo sfogo di Mazzanti: 'Le persone devono trovare per forza qualcosa di brutto'

Un lungo post sui social dopo le critiche ricevute nei giorni scorsi per le foto della sua nuova auto

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 31 dicembre 2022 15:19

"Quando arrivai in America il primo giorno di apertura c’era una coda colossale, nemmeno io ci credevo, le persone che si fermavano mi facevano i complimenti, i vicini si fermavano a congratularsi e a chiedermi quale era il mio segreto, le persone mi dicevano sognanti che speravano un giorno anche loro di avere una coda così. Avevo 30 anni esatti". Inizia così il lungo sfogo che Tommaso Mazzanti, titolare de All'Antico Vinaio, affida ai social.

 

Un anno ricco di soddisfazioni per Mazzanti e la sua azienda, che ha da poco chiuso un accordo con il gruppo Percassi per l'espansione in Italia e Europa. Dalla doppia apertura a New York, fino all'annunciato nuovo punto vendita a Forte dei Marmi, la crescita dell'Antico Vinaio non accenna a fermarsi, ma non mancano le critiche


E Mazzanti vuole togliersi qualche sassolino dalla scarpa. "Oggi in Italia se un ragazzo di 33 anni cerca di fare il massimo per la sua azienda e per la sua famiglia, le persone cercano e devono trovare per forza qualcosa di brutto o di strano sotto, perché se no il successo meritato non si spiega. Successe anche 10 anni fa quando iniziarono a formarsi le prime code, le persone passavano davanti al mio negozietto e li sentivo borbottare “eh facile con Tripadvisor avere la coda” “Eh lui lavora grazie solo a Tripadvisor” “ vedrai che tanto non dura”.. e via dicendo. Ogni anno c’era sempre una scusa nuova. Eh lui lavora grazie a Facebook, e poi lui lavora grazie a Instagram, e poi lui lavora perché ha il negozio in America e tik tok ec. In questi giorni mi sono divertito a leggere i commenti sotto le varie testate giornalistiche nazionali che avevamo riportato la notizia. Qualcuno che dice che ho un zio ricchissimo che nessuno conosce, qualcuno che dice che ho venduto agli arabi, qualcuno dice che è la mia agenzia di social che manovra tutto (ricordatevi che i social li uso solo io e mia moglie). Però mettiamo fine a questo casino sennò sembra di andare a finire nel ridicolo".


Il post di Mazzanti arriva dopo le critiche ricevute nei giorni scorsi dopo aver pubblicato sui social le foto della sua nuova auto, una Lamborghini. "Ho fatto un post, le testate giornalistiche lo hanno visto, mi hanno chiesto delle dichiarazioni e di rilasciargli delle interviste come ho fatto altre cento volte. Nessun vittimismo, ho detto solo che mi dispiace vedere così tanto odio nei social e che gli haters non dovrebbero esistere in nessun contesto, perchè io ormai un po’ ci ho fatto l’abitudine ma sicuramente uno un po’ più fragile potrebbe non prenderla bene e comunque leggere tutto questo odio e cattiveria mi rabbrividisce".


"Il post che ho fatto qualche giorno fa con la mia nuova macchina, era solo ed esclusivamente di felicità, come ho sempre fatto per dire e condividere con voi ogni mio singolo mio passo, dal primo negozio, al matrimonio, alla nascita dei miei figli ecc. Non ho rubato un centesimo a nessuno, pago le tasse in Italia e se come tanti dicono che adesso ostento quello che posso permettermi, ebbene sì, lo faccio proprio perché forse non avendo mai potuto prima, ora che ho le possibilità di togliermi qualche soddisfazione, lo faccio e con gioia e sono orgoglioso di condividerlo anche per dare la speranza a chi crede che la sua vita non possa cambiare che a volte invece succede, anche partendo da un negozietto e da una Fiesta, se credi e t’impegni al massimo in quello che fai".

 

"Ho sempre messo AV davanti a tutto e il mio staff sopra ogni cosa. Cerco di fare del mio meglio come marito, padre ed imprenditore. Sicuramente non posso piacere a tutti ed è la cosa più normale del mondo. Sogno solo un mondo un po’ più buono, più giusto e rispettoso verso il prossimo, anche di chi non ci piace. Però forse chiedo troppo. Comunque è proprio vero, gli Italiani perdonano tutto, tranne il successo. E di questo me ne dispiaccio".

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.