Violenta lite tra ubriachi, sospesa la licenza a un locale del centro

Esercizio pubblico sospeso in quanto 'teatro di fatti di violenza provocati dall'abuso di alcol'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 22 settembre 2022 16:11

Una violenta rissa tra due uomini ubriachi è costata anche la sospensione della licenza di un locale in centro.

 

I fatti risalgono alla notte dello scorso sabato 17 settembre 2022. Secondo quanto fa sapere la Polizia, gli agenti si sono recati nell'esercizio pubblico a seguito di una violenta lite tra due clienti ubriachi. Nonostante la presenza dei poliziotti alle prese con i due contendenti, ad uno di quest’ultimi - già in evidente stato di ebbrezza - sarebbe proseguita la somministrazione di alcolici. Nella medesima circostanza gli agenti avrebbero poi anche constatato la presenza di altre persone alterate dall’abuso di alcol.

 

In passato, più precisamente nel marzo 2022, le volanti erano inoltre intervenute per un fatto analogo: due cittadini stranieri, anch’essi ubriachi, si sarebbero picchiati violentemente. Nell’occasione il locale fu anche multato per aver somministrato alcolici oltre le 2.00 di notte.

 

Perciò, fa sapere la Polizia, dalla mezzanotte di oggi 22 settembre 2022 è scattata, per 5 giorni, la sospensione della licenza per l’esercizio disposta, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., dal Questore della provincia di Firenze.

 

Nel provvedimento adottato dal Questore Maurizio Auriemma è evidenziato come sia emersa una situazione di “pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica” - essendo il pubblico esercizio in questione stato “teatro di fatti di violenza provocati dall’eccessivo consumo di alcolici all’interno dello stesso locale” - tale da dover intervenire e sospenderne la licenza per 5 giorni.

 

(immagine di repertorio)

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.