Tradizioni fiorentine, lo Scoppio del Carro diventa un cortometraggio animato

Il protagonista del cartoon è Lapo, un bambino che accompagna gli spettatori alla scoperta della storia del carro e del suo messaggio di pace

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 12 aprile 2022 17:58

Con l’avvicinarsi della festa della Pasqua, a Firenze fervono i preparativi per una tradizione che non ha eguali: lo scoppio del carro. Tradizione millenaria, religiosa e civica, che si rinnova nel 2022 come centinaia di anni fa: nella Domenica di Pasqua trova il suo compimento un evento incredibile, ovvero il corteo di un grande carro nel centro cittadino fino al cosiddetto Paradiso, lo spazio fra la Cattedrale di Santa Maria del Fiore e il Battistero di San Giovanni, che diventa protagonista di un fantasmagorico scoppio di fuochi e di luci, scenografico messaggio di pace, di rinascita e di salvezza.

 

Per permettere ai più giovani di scoprire le radici e le peculiarità di questo evento, il Comune di Firenze ha promosso la realizzazione di un corto animato d’autore curato da MUS.E e prodotto da Animago Studio.

 

“Prosegue l’impegno del Comune di Firenze per la diffusione delle tradizioni della città – ha detto Michele Pierguidi, presidente del Calcio Storico Fiorentino e consigliere del Sindaco alle Tradizioni Popolari – con il racconto di una delle storie più antiche e affascinanti, quella dello Scoppio del Carro, una tradizione così cara ai fiorentini. La raccontiamo tramite un video che è destinato ai bambini, ma che può spiegare molto anche ai grandi”.

 

“Ancora una volta lo sguardo di un bambino è la via grazie a cui scoprire e riscoprire le radici del nostro presente – ha aggiunto Valentina Zucchi, responsabile della mediazione culturale di MUS.E – Il video apre a tutti, piccoli e grandi, la possibilità di conoscere la tradizione dello scoppio del carro grazie a un linguaggio artistico contemporaneo. Una tradizione speciale, così fiorentina e così unica, che ci ricorda quanto i riti contribuiscano a significare le nostre esistenze e portino con sé valori e messaggi universali: fra questi, la pace”.

 

Il video, disponibile in italiano e in inglese sul canale YoTube di MUS.E, offre infatti l’occasione di conoscere meglio questa tradizione pasquale grazie agli occhi di un bambino, Lapo, già protagonista di due celebri corti tutti fiorentini: Per fare una città ci vuole un fiore, dedicato all'iris simbolo della città, e Stemma Medici. Storie e leggende, centrato sullo scudo mediceo. Grazie a un accurato lavoro di ricerca e di indagine, allo sviluppo creativo della storia e dello storyboard d’animazione, è quindi nato un cortometraggio animato sulle radici e sulle vicende di questa tradizione pasquale tutta fiorentina, che sarà possibile conoscere grazie allo sguardo curioso di un bambino e alla sapiente esperienza di un nonno.

 

La tradizione affonda le radici in un passato molto remoto, quando il fiorentino Pazzino de’ Pazzi rientra dalla prima crociata a Gerusalemme con tre schegge di pietra leggendariamente tratte dal Santo Sepolcro e per questo viene portato in trionfo su un carro per le vie della città. Le tre pietre sacre vengono ben presto utilizzate per dare vita al fuoco benedetto della veglia pasquale e a un grande rito di luce: un rito speciale e profondo, rinnovato nei secoli e giunto fino a noi.

 

Durante le festività pasquali di quest’anno inoltre, sono eccezionalmente in programma tre giornate di attività per famiglie con bambini dai 6 agli 11 anni, dedicate proprio allo scoppio del carro: nella sala dei Gigli del Palagio di Parte guelfa, allestita come spazio permanente per bambini, i partecipanti potranno assistere alla visione del video per essere poi coinvolti in un laboratorio artistico (giovedì 14, venerdì 15 e sabato 16 alle h10, h11, h12, partecipazione gratuita). 
 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.