Vis Art

Firenze, la posa della pietra d’inciampo in memoria di Nathan Cassuto

L’assessore Martini: 'Un testimone martire di una storia che non vogliamo né dobbiamo dimenticare'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 15 febbraio 2022 16:56

Sarà posata domani, mercoledì 16 febbraio, la pietra d’inciampo dedicata al rabbino Nathan Cassuto nel luogo dove fu arrestato nel novembre del 1943. Alla cerimonia, in programma alle 11.30 in via dei Pucci 2, saranno presenti tra gli altri l’assessore alla Cultura della Memoria e Toponomastica Alessandro Martini, Enrico Fink presidente della comunità ebraica, Gadi Piperno rabbino capo della comunità ebraica, il cardinale Giuseppe Betori, David Cassuto figlio di Nathan (in collegamento da remoto), Ida Zatelli professore di lingua e letteratura ebraica presso l’Università di Firenze.

 

Le pietre d’inciampo sono piccole targhe in ottone dedicate alle vittime delle deportazioni nazifasciste, realizzate dall'artista tedesco Gunter Demnig, sono incastonate su cubetti di cemento che vengono incassati nel selciato di fronte all’ultima abitazione della vittima. A Firenze le prime undici apposizioni sono state effettuate il 9 gennaio 2020 cui si sono aggiunge le 13 collocate il 23 gennaio dello stesso anno, le 24 del maggio 2021 e le 25 collocate il 18 e 20 gennaio scorsi.  

 

“Il rabbino Cassuto è un testimone martire di un momento della storia che non vogliamo né dobbiamo dimenticare – dichiara l’assessore Martini -. Domani sarà posata la pietra d’inciampo a lui dedicata nel luogo dove fu arrestato mentre usciva da una riunione con i rappresentanti delle associazioni cattoliche per salvare gli ebrei fiorentini dalle deportazioni nel solco dell’impegno del cardinale Elia Dalla Costa. Cassuto era un punto di riferimento non solo per il suo ruolo di rabbino capo ma anche per la sua determinazione nell’aiutare i tanti suoi fratelli e sorelle della comunità ebraica”.

 

L’assessore si sofferma anche sul luogo dove verrà posata la pietra, davanti alla sede delle associazioni cattoliche. “Si tratta del luogo del dialogo, della collaborazione e della fraternità tra espressioni diverse del mondo religioso fiorentino così vicine nell’impegno di aiuto fraterno e reciproco così importante in quel momento buio della nostra storia. La pietra che posiamo domani rappresenta una testimonianza concreta di riconoscenza ma anche di responsabilità della città nei confronti di un testimone martire della storia. E uno stimolo a continuare nel dovere di far memoria soprattutto nei confronti delle giovani generazioni” conclude l’assessore Martini.  

 

LEGGI ANCHE

Firenze, tornano le 'Pietre d'inciampo' in ricordo di 25 cittadini

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.