Campi, vandalismi all'interno della scuola: aumentano i controlli e arrivano le telecamere

Scritte sui muri e urina in terra: gli alunni rimangono fuori

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 04 dicembre 2021 12:49

Episodi di vandalismo negli ultimi giorni nei locali della scuola primaria Vamba di San Donnino. L’amministrazione comunale di Campi Bisenzio ha così deciso di aumentare ulteriormente i controlli.


Da alcuni giorni, qualcuno entra nelle aule urinando in terra e scrivendo sui muri. Devastazioni che hanno anche obbligato il personale scolastico a fare pulizie straordinarie nel corso della mattinata, ritardando l’orario di inizio delle lezioni e costringendo gli alunni a rimanere fuori, fa sapere il Comune.
 

Una situazionea cui l’amministrazione comunale ha deciso di porre rimedio intensificando i controlli degli ultimi giorni. Il Sindaco Emiliano Fossi si è già coordinato con il Comandante della Polizia Municipale Francesco Frutti e con la Stazione dei Carabinieri, e ha chiesto loro di presidiare costantemente l’area della scuola Vamba e del Giardino Pubblico di San Donnino. Inoltre sono state installate e attivate telecamere intorno al perimetro della scuola, che si aggiungono al rinnovato sistema di allarme.


Come spiega il Sindaco Fossi, "i genitori sono arrabbiati e hanno ragione: dopo due anni di sacrifici, di socialità limitata e di grande rispetto delle norme, è assurdo che le studentesse e gli studenti campigiani debbano perdere ore di scuola per colpa di qualche vandalo. Il Comune è parte lesa al pari delle famiglie. La scuola è un ambiente quasi “sacro”, che rappresenta i beni pubblici per eccellenza: la cultura, la socialità, la possibilità per le ragazze e i ragazzi di crescere ed essere parte libera e consapevole di una comunità".

 

(immagine di repertorio)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.