Empolese, il contagio non si ferma. La sindaca: 'La zona rossa è probabile'

'La situazione non migliora affatto e dopo tre settimane di lieve peggioramento adesso il contagio sembra aver accelerato'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 16 marzo 2021 17:58

Il contagio corre nell'empolese Valdelsa, e il sindaco 'mette in guardia' i cittadini. A parlare è la sindaca di Empoli Brenda Barnini, che su Facebook prepara i cittadini all'eventualità della zona rossa.

 

"Ho sempre attuato una scelta di massima trasparenza sulla comunicazione ai cittadini in merito alla crisi pandemica sul nostro territorio. Per questo pubblico sotto un grafico che in modo semplice dice come i casi nell'empolese Valdelsa siano cresciuti negli ultimi sette giorni. L'altra è una tabella che invece riporta la media dei casi positivi mese dopo mese a Empoli. Stiamo monitorando settimana dopo settimana insieme ai Sindaci del nostro territorio l'evoluzione dei casi e la pressione sulle strutture sanitarie".

 

"La situazione non migliora affatto e dopo tre settimane di lieve peggioramento adesso il contagio sembra aver accelerato. Queste considerazioni le faccio oggi che è martedì per iniziare a preparare la nostra cittadinanza ad un possibile arrivo della zona rossa dalla prossima settimana".

 

Empoli non è tra i comuni toscani finiti in zona rossa, o in cui sono state chiuse le scuole. "Non sta a me fare valutazioni tecniche e ovviamente sarà una decisione della Regione Toscana sentito il parere dei Sindaci. Ma credo sia giusto iniziare a preparare noi tutti che dobbiamo organizzare le vite delle famiglie ad un'ipotesi di zona rossa che è oggi è sicuramente meno evitabile di due settimane fa. Evitate per favore di scagliarvi nei commenti alla ricerca dei colpevoli e dei capri espiatori. A distanza di un anno la caccia all'untore che dovrebbe avvenire su scala globale lasciamola stare e dedichiamo le nostre energie a mantenere saldi i nervi", conclude il sindaco.

 

Già domenica Barnini aveva fatto appello alla cittadinanza. "Solitamente non mi piacciono i moralismi ma devo assolutamente fare appello alle coscienze di tutti i cittadini. Tra venerdì e sabato di fronte ad un locale si sono assembrati (e non è la prima volta) centinaia di ragazzi poco più che ventenni. La Polizia municipale era presente, ha fatto sanzioni e si è pure beccata gli insulti. Se quando siamo fuori pensiamo di poter fare il nostro comodo e di fregarsene degli altri non c'è controllo né richiamo che basta. Lo dico ai ragazzi ma anche ai genitori. Se vogliamo uscirne da questo tunnel bisogna che ognuno faccia la propria parte. Empoli si mantiene al momento sotto la fatidica soglia dei 250 casi ogni 100mila abitanti e per questo non si è reso ancora obbligatorio chiudere le scuole. Mi farebbe parecchio arrabbiare arrivare al provvedimento di chiusura non perché ci siano focolai di contagio nelle classi,ma perché ci comportiamo da stupidi giovani e vecchi negli spazi pubblici come in quelli privati. Ognuno può fare la propria parte senza dover arrivare a scelte drastiche comprese ordinanze di chiusura delle piazze o delle strade. Non ho intenzione di farle al momento nemmeno per i parchi e i giardini perché so bene quanto l'equilibrio tra la salute mentale e quella fisica vada salvaguardato. Ma ho bisogno dell'aiuto di tutti i cittadini altrimenti non avremo scelta".

 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.