Lastra e Signa, chiusi per 15 giorni parchi e giardini

Ordinanze dei sindaci sulle aree a rischio assembramento

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 13 marzo 2021 15:35

Chiusi parchi e giardini per 15 giorni a Signa.

 

Provvedimento preso con un'ordinanza del sindaco Giampiero Fossi. Nell'ordinanza è pervista la chiusura di "parchi e giardini pubblici nel territorio comunale per 15 giorni a partire dal giorno 14 Marzo 2021 e salvo revoca o modifica in tale periodo", oltr al divieto di "acceso ai suddetti luoghi nel medesimo periodo".


"E’ vietato l’accesso a chiunque in tutte le aree verdi o i giardini comunali usufruibili dalla popolazione, e comunque tra questi il campo sportivo comunale di Via dello Stadio, la Zona dei “Giardini del Crocifisso”, i giardini pubblici di Via delle Bertesche, i giardini di Piazza della Repubblica, la Piazza Don Armido Pollai, i giardini di Via Longobucco, Via Catarzi e via Vangi, i Giardini di via De Amicis, i giardini di via Mascagni, i giardini di via Giovanni Paolo II, i giardini di via Maromme, e comunque in tutte le aree verdi, che espongono la segnaletica indicante la limitazione dell’accesso a questi spazi", si legge nell'ordinanza.

 

Previste sanzioni per la violazione delle prescrizioni contenute nell'ordinanza.

 

Chiusi anche a Lastra a Signa, da oggi, sabato 13 marzo 2021, i parchi pubblici e le aree gioco comunali. Lo ha deciso il sindaco Angela Bagni, a fronte dell’andamento dei contagi da Covid-19 di questa settimana e per evitare gli assembramenti che si sono verificati nell'ultimo periodo.

Secondo l’ordinanza del sindaco in vigore da oggi, 13 marzo, per 15 giorni non sarà possibile quindi accedere ai parchi pubblici, ai giardini e alle aree gioco sul territorio comunale.

 

“Ho deciso di adottare questo provvedimento – ha spiegato il sindaco- per limitare il rischio di ulteriori contagi, visto l’andamento dei casi dell’ultima settimana e soprattutto della giornata di oggi, con 18 nuove positività nel nostro Comune. Con le belle giornate di questo ultimo periodo purtroppo i parchi e i giardini sono stati presi d’assalto da cittadini di tutte le fasce di età con rischi di affollamento e di mancato rispetto del distanziamento".

 

Rimarranno aperte, invece, le scuole nel Comune di Lastra a Signa, dopo aver valutato l'ipotesi di chiusura (come avverrà da lunedì in altri Comuni, LEGGI QUI). “A seguito del colloquio con il presidente Giani abbiamo deciso, di comune accordo, di lasciare le scuole aperte nel nostro comune in quanto non esistono ad oggi problemi di focolai o numeri di contagi alti all’interno dei plessi scolastici del territorio”, dice il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni dopo il confronto con il presidente della Regione Eugenio Giani nella mattinata di oggi.



Il presidente della Regione Toscana aveva allertato il sindaco già da ieri dell’ipotesi, oggi scongiurata, di chiusura a seguito dell’analisi dei dati riguardanti il territorio. Lastra a Signa infatti nell’ultima settimana ha sforato, anche se di poco, il limite dei 250 casi settimanali ogni 100.000 abitanti (con il calcolo della proporzione si arriva infatti a 260) e soprattutto nella giornata di ieri erano stati registrati 18 cittadini contagiati in un solo giorno. Oggi sabato 13 marzo i casi di positività a Lastra a Signa sono 9.


“Continueremo a monitorare la situazione delle scuole nei prossimi giorni – ha dichiarato il sindaco Bagni - e se i numeri saliranno ci sarà un nuovo confronto e delle nuove decisioni. Per adesso le scuole restano aperte e raccomando la massima prudenza a tutti”.


“Per quanto riguarda la chiusura di parchi e giardini – ha proseguito il sindaco di Lastra - è stata una decisione sofferta ma presa proprio per dare un segnale forte, un segnale che servisse anche a scongiurare la chiusura delle scuole. Il presidente Giani ha chiesto a tutti noi dei sacrifici per prevenire l’aumento dei contagi e abbassare il tasso di positività e quello di chiudere gli spazi verdi all’aperto è stata quindi una mossa per avvertire tutti che se non facciamo qualche sforzo in più non potremo evitare la zona rossa. Se nella prossima settimana i casi saranno in diminuzione, l’ordinanza di chiusura sarà ritirata e riapriremo i parchi, anche prima dei 15 giorni stabiliti”.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.