Diagnosi in tempo, salvata a Empoli una neonata con cardiopatia congenita

Trasferita e operata d'urgenza all'Ospedale Cardiochirurgico di Massa

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 01 marzo 2021 17:56

Nata con una cardiopatia congenita all’ospedale di Empoli.

 

La piccola, nata alle 3 di mattina da parto spontaneo fisiologico, presentava, alla nascita, condizioni cliniche buone ed è stata trasferita presso il reparto del Nido. Nel corso della prima visita, effettuata come di prassi dal pediatra di guardia, è stata evidenziata la presenza di un soffio cardiaco. Nonostante le buone condizioni generali della neonata e la normalità dei parametri vitali al momento della visita, la pediatra ha allertato rapidamente la consulente cardiologa per richiedere una valutazione ecocardiografica. Il cardiologo ha eseguito l’ecografia cardiaca che ha evidenziato reperti compatibili con una stenosi polmonare critica.

 

“La stenosi polmonare critica rappresenta un’urgenza neonatale: è data dal restringimento critico della valvola polmonare, localizzata tra il ventricolo destro del cuore e l’arteria polmonare, che conduce il sangue ai polmoni per essere ossigenato. In caso di restringimento critico il flusso sanguigno verso i polmoni appare nettamente ridotto attraverso questa via. In tali neonati, il flusso di sangue alle arterie polmonari (e quindi ai polmoni) è garantito dal dotto arterioso, un vaso fisiologicamente pervio durante l’epoca fetale ma che va incontro a chiusura spontanea nei primi giorni, talvolta ore, di vita - ha spiegato il dottor Attilio Del Rosso, Direttore Cardiologia Empoli - La progressiva chiusura del dotto determina una riduzione del flusso di sangue ai polmoni con conseguente desaturazione (e cianosi) dei piccoli pazienti”.


La neonata, infatti, al momento del trasferimento presso il reparto di Patologia Neonatale per la stabilizzazione mostrava già un peggioramento dei parametri vitali con riduzione della saturazione di ossigeno. La pediatra, presente in reparto, ha urgentemente proceduto a reperire un accesso venoso centrale per effettuare l’infusione di prostaglandine, la terapia salvavita prevista per tale condizione patologica, in accordo con gli specialisti del Meyer e dell’Ospedale Cardiochirurgico di Massa. La neonata è stata costantemente monitorata, visto i possibili effetti collaterali della terapia. Questo ha permesso di stabilizzare la neonata con rapido miglioramento dei parametri vitali e della sua condizione clinica.


La piccola è stata così trasferita in sicurezza presso l’Ospedale Cardiochirurgico di Massa dai neonatologi del Meyer, che in questi casi provvedono ai trasferimenti di urgenza dai presidi ospedalieri. La neonata è stata operata d’urgenza al suo arrivo all’Ospedale di Massa, l’intervento di valvuloplastica ha avuto esito positivo e ora è stabile con buon compenso clinico.


“Questo caso rappresenta un esempio di come la collaborazione e la sinergia tra le diverse specialistiche dell’ospedale insieme ai centri di terzo livello abbia portato alla diagnosi e alla gestione ottimale di una patologia grave e a rapida evoluzione e determinato il benessere clinico della piccola paziente – ha sottolineato il dottor Roberto Bernardini, Direttore pediatria Empoli - Grazie alla professionalità e la immediata collaborazione tra la pediatria e la cardiologia dell’Ospedale di Empoli è stato possibile diagnosticare in tempo questa patologia che se fosse stata evidenziata in ritardo di qualche ora avrebbe potuto determinare gravissime conseguenze nella piccola”.
 

Foto Ausl Toscana centro

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.