Toscana a rischio zona rossa? Giani: 'Casi aumentati, ma i dati dicono che resteremo arancioni'

Scatta la prima 'mini zona rossa' in Toscana: sarà Cecina

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 24 febbraio 2021 10:57

La Toscana resterà in zona arancione o passerà rossa? La regione, dopo essere rimasta gialla per cinque settimane dopo il periodo natalizio, è ora alla sua seconda settimana in zona arancione, scattata il 14 febbraio. I contagi però, così come i ricoveri, restano alti, e il rischio della zona rossa non è da escludere (QUI il bollettino di martedì).

 

Con l'avvicinarsi del venerdì, giorno in cui la cabina di regia stabilisce, secondo i dati delle Regioni, gli eventuali cambiamenti di colore, iniziano le prime ipotesi. Ipotesi che vedono il presidente della Regione Eugenio Giani cautamente ottimista. 

 

"Non posso prevedere quello che avverrà nella cabina di regia di venerdì, però i primi elementi di valutazione dei dati che forniremo questa settimana probabilmente ci portano a rimanere in fascia arancione. Le preoccupazioni relative a un ingresso in zona rossa non sembrano così forti come potevano apparire magari qualche giorno fa", afferma Giani, che invita alla cautela, soprattutto considerando il numero dei contagi.

 

"I casi sono aumentati, non come si presentava il quadro a ottobre-novembre, ma sono il doppio della media di gennaio. Quindi dobbiamo essere molto in allarme, molto attenti". 

 

Anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, intervenuto questa mattina a Controradio, ha parlato della possibilità di restare arancioni. "C'è stata una fuga di notizie sul fatto che la Toscana sicuramente vada in zona rossa non è così perché bisogna essere prudenti, realistici ma anche non allarmistici, ci sono molte probabilità che rimanga in zona arancione. Certo il meccanismo di circoscrivere zone particolarmente esposte classificandoli come zone rosse può essere una buona alternativa a quella di trasformare l'intera regione in zona rossa".

 

E intanto in Toscana sta per scattare proprio la prima 'mini zona rossa', una modalità pensata per tenere sotto controllo alcune zone in cui i contagi sono in forte crescita. 

 

"Ci sono chiaramente dei focolai, con le varianti sudafricana e brasiliana che sono preoccupanti per la rapidità di trasmissione del contagio. Accanto alla zona arancione regionale - spiega Giani - prevediamo inoltre una serie di restrizioni comune per comune, tipo la chiusura delle scuole laddove questo può diventare un elemento di contagio, la zona rossa laddove ci sono preoccupazioni legate alle varianti".


Il primo provvedimento di zona rossa riguarda Cecina (Livorno), ma non è escluso che anche altri Comuni possano farlo scattare.


"Abbiamo appena terminato una giunta straordinaria seguita da una altrettanto straordinaria riunione dei capigruppo consiliari. Nell’ultima settimana abbiamo fatto un monitoraggio quotidiano ancora più stringente sulla situazione sanitaria del nostro territorio insieme alla Asl e al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, con i quali siamo in costante contatto. A seguito dei numerosi casi che si sono verificati presso la Rsa Iacopini (di cui 16 ad oggi riconducibili alla variante inglese) e presso la scuola elementare Marconi (una decina di casi di Covid tra il personale docente, i collaboratori scolastici ed alcuni genitori di bambini), sentite la Regione e l’azienda sanitaria, abbiamo concordato il passaggio di Cecina a zona rossa per almeno una settimana", ha annunciato Samuele Lippi, sindaco di Cecina.

 

A Siena invece è stata disposta la chiusura delle scuole. 


"Visti gli ultimi dati disponibili forniti dai competenti servizi della Asl Toscana Sud Est sulla diffusione della pandemia, che testimoniano una crescente diffusione del virus nel territorio comunale di Siena e una aumentata velocità di contagio dovuta alla presenza delle nuove varianti del Covid19, con apposita ordinanza ho disposto la sospensione delle attività didattiche in presenza di tutte le scuole medie inferiori e superiori presenti sul territorio comunale a partire da mercoledì 24 febbraio fino a mercoledì 3 marzo 2021 compreso", afferma il sindaco di Siena Luigi De Mossi.
 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.