Covid, la Toscana evita la zona arancione e resta gialla un'altra settimana

Giani: 'I contagi potrebbero portarci dal 15 febbraio in zona arancione'. Zona rossa a Chiusi

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 05 febbraio 2021 18:33

La Toscana resta gialla. I toscani hanno davanti ancora una settimana, la quinta, nella zona con le minori restrizioni. A dare l'ufficialità è il presidente della Regione Eugenio Giani. "Ho appena parlato con il Ministro Roberto Speranza, abbiamo concertato che resteremo per la quinta settimana consecutiva in zona gialla, una bella notizia per tutti noi!", scrive sui social.

 

Il rischio della zona arancione, allontanato per la prossima settimana, si fa sempre più concreto, considerando l'aumento dei contagi e un Rt sempre più vicino a 1, soglia che fa scattare la zona arancione. L'Rt toscano è arrivato a 0,98 (0,93-1,03), ma per la decisione sulle zone regionali viene tenuto in considerazione il dato più basso dell'intervallo.

 

"Un risultato che dimostra la responsabilità e gli sforzi fatti in queste settimane, ma non abbassiamo la guardia - afferma il presidente - Senza distanziamento, mascherine sempre indossate e igiene delle mani, i contagi potrebbero portarci dal 15 febbraio in zona arancione. Come Regione siamo impegnati al massimo per la campagna di vaccinazione".

 

Scatta la zona rossa a Chiusi (Siena). "Varianti al virus più aggressive e di rapida trasmissione sono state registrate al confine con la regione Umbria, nel comune di Chiusi. Con il sindaco Juri Bettollini abbiamo concordato, in modo preventivo e precauzionale, le misure della zona rossa per una settimana all’interno del territorio municipale da domenica 7 al 14 febbraio. La Toscana siCura dipende da ciascuno di noi, forza!", conclude Giani.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.