Modi di dire: 'Troppa grazia Sant'Antonio!'

Sapete perché si usa questo modo di dire?

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 12 novembre 2020 19:13

Sicuramente avrete sentito almeno una volta l'esclamazione 'Troppa grazia Sant'Antonio!', usata in maniera ironica per qualcosa di gradito e utile ma anche per certi versi eccessivo. Ma da cosa deriva questo modo di dire?

 

A Firenze il detto sarebbe legato al vescovo Antonio Pierozzi, che molti alla metà del quindicesimo secolo chiamavano “Antonino” perché di struttura esile. In via dello Studio, dove era nato e risiedeva, oggi possiamo trovare un'effige di marmo che lo commemora, come ricorda la pagina Facebook del Comune di Firenze.

 

Molti cittadini si recavano da lui per avere consigli e si dice che riuscissero sempre a trovare, attraverso le parole di Antonino, conforto e giuste soluzioni e questo lo portò ad essere soprannominato "Antonino dei consigli".

 

Da lui un giorno, arrivò una coppia, Dante Pitti e sua moglie Marietta, per chiedergli se attraverso le sue preghiere potesse intercedere per loro e fargli avere quel figlio tanto desiderato che non riuscivano ad avere. Antonino li rassicurò e dopo poco la coppia ebbe un primo figlio. Appena possibile la famigliola si recò presso la casa del vescovo per ringraziarlo e dirgli "Sant'Antonio ha fatto la grazia".

 

Poi arrivò un secondo figlio, un terzo, un quarto, un quinto e addirittura un sesto! Si narra che i coniugi dopo l'ultimo figlio esclamarono, appunto, “Troppa grazia Sant’Antonio“.

 

Non è comunque, questa, l'unica versione del modo di dire. Secondo altre fonti, il detto è riconducibile ad un uomo che, non riuscendo a salire a cavallo, chiese a Sant'Antonio la grazia di aiutarlo a montare in sella. L'uomo, riprovandoci, prese la rincorsa e tentò di nuovo il salto, ma questa volta lo slanciò fu tale che superò il cavallo e finì a terra dall'altra parte.

 

Così, volgendo gli occhi al cielo, l'uomo avrebbe esclamato, proprio, "Troppa grazia Sant'Antonio".

 

(foto dalla pagina Facebook 'Città di Firenze')

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.