Empoli, il Comune in aiuto alle famiglie: 40 baby sitter formate per il progetto 'Tata Empoli'

Elenco di professionalità pronte per servizi, esigenze improvvise ed occasionali o servizi strutturati e continuativi.

Galleria immagini

364 Visualizzazioni

mercoledì 07 ottobre 2020 19:52

È terminato il percorso di formazione delle quaranta baby sitter che sono entrate a far parte del progetto Tata Empoli, lanciato nello scorso mese di luglio dall’amministrazione comunale per formare un elenco di professionisti di baby sitting.


Si è creato così, riferisce il Comune di Empoli, un elenco di professionalità pronte per servizi, per esigenze improvvise ed occasionali e per servizi strutturati e continuativi.


Saranno queste persone a comporre il primo Albo comunale Tata Empoli. Si tratta di 40 donne, età media 36 anni, la maggior parte di Empoli o dei comuni limitrofi, per la quasi totalità diplomate o laureate e con varie esperienze lavorative. Questo elenco sarà reso liberamente accessibile nei prossimi giorni sul sito istituzionale del Comune di Empoli nella apposita pagina nell’home-page. Ottenuta l’iscrizione le baby sitter dovranno frequentare ulteriori corsi di aggiornamento annuali, condizione indispensabile per la permanenza nell’Albo.
 


Fra le tematiche del corso seguite dalle baby sitter ci sono stati argomenti come elementi di psicologia e pedagogia, favorire il benessere dei bambini, promuovere il gioco come ambito privilegiato dell’apprendimento, elementi di igiene e protocollo Covid. Tutte lezioni tenute da psicologi ed esperti del settore. Il corso prevedeva anche una parte ‘operativa’ sul campo, erano previsti brevi periodi di stage negli asili nido del Comune, questa fase per il momento è stata sospesa a causa dei vigenti protocolli anti Covid.

 

Immagine di repertorio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.