Firenze, scarica sacchi di materiale edile nei cassonetti: individuato e denunciato

Due interventi contro l'abbandono di rifiuti

Galleria immagini

576 Visualizzazioni

martedì 15 settembre 2020 16:26

Nella scorsa settimana sono stati due gli interventi effettuati dalle pattuglie della polizia municipale di Firenze in merito all'abbandono di rifiuti, che si sono conclusi con una denuncia e una multa.

 

Il primo, come riporta una nota diffusa dal comune, riguarda lo scarico illegale di materiale edile avvenuto nell’area tra via Pratese e via Pistoiese. Gli agenti sono intervenuti a seguito di una segnalazione e, grazie video e foto, hanno colto sul fatto un fiorentino residente in Provincia che, in pieno giorno, ha preso dal furgone quattro grossi sacchi di scarti da un cantiere edile che poi e gettato nel cassonetto dell’indifferenziato.

 

Dagli accertamenti il responsabile è risultato titolare di un'impresa edile, circostanza che ha fatto scattare l’illecito penale. L’uomo, convocato dalla polizia municipale, non ha negato l’accusa e quindi è stato denunciato per abbandono di rifiuti speciali non pericolosi senza autorizzazione.

 

Anche nel secondo caso l’intervento è scattato dopo la segnalazione di un residente relativa all’abbandono di mobilia con un furgone a noleggio. Dalle indagini gli agenti sono risaliti all’autore, un fiorentino impiegato in una cooperativa sociale, che è stato rintracciato dal contratto di noleggio del veicolo. Di fronte alla contestazione dell’illecito, però, l’uomo ha addossato la responsabilità su un non meglio precisato collega che, a suo dire, aveva approfittato del furgone lasciato nella sede della cooperativa per scaricare i mobili. Una versione che non ha convinto gli agenti che lo hanno multato per abbandono di rifiuti (sanzione da 600 euro).

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.