Firenze, disposta la sospensione della licenza per un locale

Dopo episodi di violenza e non solo

Galleria immagini

1068 Visualizzazioni

mercoledì 24 giugno 2020 13:57

E' stata disposta da parte del Questore di Firenze, Filippo Santarelli, la sospensione di 7 giorni della licenza per un pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande nei pressi del Parco delle Cascine.

 

Il provvedimento, notificato al titolare dell'esercizio nella serata di ieri 23 giugno, è stato adottato a tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini a seguito di vari episodi che hanno richiesto l’intervento della Polizia di Stato, riferisce la Questura.

 

La notte del 21 giugno, nello specifico, alcune pattuglie sono intervenute presso il suddetto esercizio per segnalazione di una persona ferita al volto e alla testa – a cui il 118 stava prestando le prime cure – la quale  ha dichiarato di essere stata aggredita da alcuni soggetti di origine africana, indicati quali “addetti” alla sicurezza dell’esercizio, che si sarebbero allontanati poco prima dell’arrivo delle volanti, continua la Questura.

 

Nella stessa occasione alcuni frequentatori del pubblico esercizio, perlopiù sudamericani, si sono affrontati con violenza, anche con l’uso di bottiglie di vetro, noncuranti della presenza degli agenti in divisa nell’area di pertinenza dell' esercizio. Al fine di evitare che tali fatti potessero degenerare con la partecipazione di altre persone presenti, sono state fatte confluire ulteriori pattuglie della Polizia di Stato con le quali è stata sgomberata l’area del locale interessata dai disordini, peraltro con difficoltà, come ricostruito dalla Questura, atteso che alcuni avventori continuavano ad agitare le bottiglie anche nei confronti dei poliziotti. Nel frangente gli agenti separavano inoltre due uomini che si stavano affrontando con bottiglie di vetro rotte, uno dei quali e’ stato poi bloccato dai poliziotti.

 

L'intervento ha anche permesso di rilevare, come riferisce la Questura, che intorno all’esercizio ci sarebbe stata la presenza di circa duecento avventori in evidente stato di alterazione dovuto allo smodato consumo di alcolici, i quali non indossavano le mascherine di protezione e non rispettavano il previsto distanziamento sociale. Anche lo stesso gestore del pubblico esercizio, impegnato nella somministrazione delle bevande, secondo quanto accertato dalle forze dell'ordine, avrebbe omesso di indossare i dispositivi di protezione individuale e per questo è stato sanzionato ai sensi del D.L. 19/2020

 

Gli agenti intervenuti hanno poi accertato la vendita e la somministrazione di alcolici da parte del pubblico esercizio dopo le ore 3.00, adottando la conseguente sanzione per il gestore. La Polizia è di nuovo intervenuta ancora lo stesso giorno, alle ore 8.30 di mattina, per la segnalazione di una lite tra un gruppo di cittadini peruviani ubriachi ed un passante. Il  piazzale era invaso di bottiglie di vetro e bicchieri di plastica, ritenuto segno tangibile che l’area è interessata da una vendita smisurata di alcolici.

 

Ancora, la notte del 12 giugno 2020, proprio nei pressi dell’esercizio, si è verificata una violenta lite tra cittadini sudamericani, uno dei quali e' stato ferito al collo da una coltellata e trasportato all’ospedale di Santa Maria Nuova per essere dimesso con una prognosi di 20 giorni. Dalle testimonianze raccolte è emerso che gli uomini coinvolti nei fatti,  in evidente stato di ebbrezza, avevano trascorso la serata nei pressi dell' esercizio in questione.

 

Sulla base di questi episodi, come ha evidenziato il Questore di Firenze nel provvedimento a sua firma e redatto dalla Divisione  Polizia Ammnistrativa e Sociale, è emersa "una situazione foriera di pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, poiché il pubblico esercizio è ritrovo di soggetti perlopiù sudamericani dediti allo smodato consumo di alcolici, peraltro somministrati con assoluta noncuranza e inavvedutezza, e che in ragione di ciò si verificano fatti di violenza come quelli dello scorso 21 giugno".

 

"Non meno importante è che il numero elevato di persone, in relazione al mancato rispetto delle prescrizioni di legge sul contenimento e sulla prevenzione del contagio da Covid-19, determinano una gravissima condotta che ha creato una situazione di pericolo per la salute delle persone", conclude la Questura. Per questo, è scattata da oggi la sospensione di 7 giorni della licenza.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.