Firenze, al Duomo un dispositivo che permette di rispettare le distanze di sicurezza tra i visitatori

Si avvale di una tecnologia messa a punto da un'impresa italiana che lo ha sviluppato per l’emergenza Covid

Galleria immagini

926 Visualizzazioni

mercoledì 13 maggio 2020 13:45

L'Opera di Santa Maria del Fiore, in attesa delle indicazioni del Governo Italiano sulla riapertura dei musei, sta predisponendo una serie di attività per garantire il massimo della sicurezza e del confort nella visita dei suoi monumenti.

 

Tra le varie misure che saranno messe in campo, annuncia l'Opera di Santa Maria del Fiore, anche l'utilizzo di un dispositivo che permette di mantenere le corrette distanze tra i visitatori. Un sistema anonimo, che non traccia i movimenti e i dati.

 

Si tratta di un dispositivo (Tag EGOpro Social Distancing) realizzato dalla società italiana AME (Advanced Microwave Engineering), con sede a Firenze, che durante l'emergenza Covid ha adattato questo sistema che garantisce la distanza interpersonale e avvisa del pericolo di avvicinamento.

 

Il dispositivo di piccole dimensioni (circa 7 cm per 5, per 1,30 di profondità) sarà fornito dall’Opera gratuitamente ai turisti all’inizio delle visite e una volta indossato segnala vibrando e illuminandosi che è stata superata la distanza minima consentita. Terminata la visita il dispositivo sarà riconsegnato e sanificato per essere poi riutilizzato in seguito. Nel caso di membri dello stesso gruppo familiare è possibile inibire il segnale d’allarme.

 

Foto: Opera Santa Maria del Fiore

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.