Bagno a Ripoli, #IoMettoLaMascherina: via alla campagna del Comune

Affissione di locandine realizzate dal Comune

Galleria immagini

687 Visualizzazioni

martedì 12 maggio 2020 10:56

L’amministrazione comunale di Bagno a Ripoli ha deciso di lanciare una nuova campagna di sensibilizzazione rivolta a tutti i cittadini affinché si mantengano le buone abitudini di contrasto alla diffusione del Coronavirus, a partire dall’utilizzo della mascherina e dal rispetto della distanza interpersonale di 1,8 metri.

 

La campagna #IoMettoLaMascherina vedrà l’affissione di locandine realizzate dal Comune e volte a informare sulle buone pratiche di sicurezza sanitaria. I manifesti, accompagnati dallo slogan “La mia mascherina protegge te, la tua mascherina protegge me”, saranno affissi negli uffici pubblici e distribuiti nei negozi del territorio.

 

Adesso è il momento della responsabilità – afferma il sindaco Francesco Casini – il virus non è sconfitto ed è fondamentale tenere alta la guardia a partire dai gesti quotidiani di ciascuno di noi. Grazie al lavoro straordinario dei volontari coordinati dalla Protezione Civile abbiamo portato le mascherine nelle case di tutti cittadini di Bagno a Ripoli. Ora è il momento di usarle, nessuno escluso. Mettere la mascherina è un gesto di altruismo: facciamolo sempre, proteggiamo noi stessi e chi ci sta intorno!”

 

La mascherina è obbligatoria in tutti gli spazi pubblici, negozi, mezzi di trasporto pubblico (insieme ai guanti monouso), nelle visite ai congiunti e in tutte le occasioni in cui è possibile entrare in contatto con altre persone. Occorre portarla con sé anche durante l’attività sportiva: non è obbligatorio indossarla sempre se si rispetta la distanza interpersonale di almeno 2 metri, ma è obbligatorio metterla se si incontra qualcuno.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.