Litiga in tramvia, poi si distende sui binari: serie di denunce per un uomo

Intervento della Municipale

Galleria immagini

1875 Visualizzazioni

venerdì 08 maggio 2020 13:58

Al culmine di una lite è stato fermato dalla Polizia Municipale e come reazione si è disteso sui binari della tramvia. E per lui sono scattate le denunce.

 

La vicenda è accaduta ieri pomeriggio, giovedì 7 maggio 2020, a Firenze, ed è iniziata con un violento diverbio scoppiato su un tram in transito sulla linea 2, ricostruisce il Comune in una nota. I due protagonisti, una donna e un uomo, sono scesi alla fermata di Ponte all’Asse continuando la lite sulla banchina. Gli agenti in servizio di supporto alla tramvia sono quindi intervenuti per calmare gli animi ma per tutta risposta l’uomo non solo ha opposto resistenza ma si è steso sui binari fermando momentaneamente il traffico tranviario.

 

Alla fine l’uomo, che ha rifiutato di fornire le generalità, è stato portato al comando di Porta a Prato per l’identificazione. È risultato un 41enne di origine rumena. Per lui sono scattate le denunce per resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto di generalità e interruzione di pubblico servizio.

 

Sempre ieri, più o meno alla stessa ora, un episodio simile è accaduto sulla linea 1 all’altezza della fermata Talenti. Questa volta protagonisti un uomo e una famiglia tutti di origine straniera: all’origine del diverbio, sembra, questioni relative alla distanza interpersonale.

 

Anche in questo caso i passeggeri coinvolti sono scesi dal convoglio, sempre continuando a discutere in modo così acceso da costringere all’intervento la pattuglia presente alla fermata. Non sono scattate sanzioni o denunce, ma nel caso gli interessati potranno presentare querela di parte.

 

(immagine di repertorio)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.