Prato, spara con una carabina ad aria compressa verso il palazzo di fronte: denunciato

Danneggiata un'abitazione

Galleria immagini

1285 Visualizzazioni

venerdì 10 aprile 2020 11:57

E' stato denunciato un uomo che a Prato sparava verso le abitazioni del palazzo di fronte con una carabina ad aria compressa. È successo nella mattinata di mercoledì 8 aprile 2020, nel centro storico pratese.

 

Le Volanti della polizia sono intervenute dopo segnalazione di un uomo che, dalla sua abitazione, aveva esploso due colpi di fucile ad aria compressa verso le finestre di alcuni appartamenti del lato opposto della strada. Gli agenti sono riusciti a rintracciare l’autore del gesto, identificandolo per un 46enne italiano residente a Prato, persona con precedenti di polizia, il quale, ammettendo l’accaduto, consegnava agli operatori la carabina ad aria compressa di cui si era servito, con la quale aveva peraltro danneggiato, con i due pallini di piombo esplosi, la tenda della finestra di un’abitazione dello stabile  di fronte al suo.

 

Nell’occasione, oltre alla carabina e a numerosi piombini di munizionamento, sono stati sequestrati dagli agenti anche un revolver, una pistola semiautomatica, una pistola ad aria compressa, una pistola scacciacani e quattro fucili da caccia, tutte armi, escluso uno dei fucili, risultate appartenere ufficialmente alla madre dell’uomo, defunta tempo addietro, rispetto alle quali il quarantaseienne non aveva mai comunicato agli uffici di polizia la variazione in ordine al possesso.

 

L'uomo, che peraltro non ha fornito alcuna spiegazione della sua pericolosa condotta, è stato così denunciato in stato di libertà per i reati di detenzione abusiva di armi, danneggiamento aggravato e getto pericoloso di cose, riferisce la Questura.

 

(immagine della Questura di Prato)

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.